Verso la normalità

Ripartono in sicurezza i mercati del territorio Cuneese

Oggi riprendono le attività commerciali degli ambulanti di piazza Galimberti a Cuneo. Gualtiero Chiaramello, presidente Fiva Confcommercio Cuneo: "Speriamo che con dicembre la situazione possa migliorare".

Ripartono in sicurezza i mercati del territorio Cuneese
Cronaca Cuneo città, 01 Dicembre 2020 ore 11:44

Con il passaggio dalla "zona rossa" alla "zona arancione" sono riprese le attività commerciali anche nei mercati cittadini della Granda. Oggi, martedì 1 dicembre 2020, ripartono in sicurezza anche i banchi non alimentari di piazza Galimberti a Cuneo e anche quelli di Mondovì e Savigliano, mercoledì sarà la volta di Fossano, Saluzzo, Caraglio e Ceva.

Ripartono in sicurezza i mercati del territorio Cuneese

Nella giornata di oggi, martedì 1 dicembre 2020, è ripartita l'attività commerciale anche per i banchi non alimentari del mercato di piazza Galimberti e di via Roma a Cuneo. E' stato un lungo mese di stop quello di novembre per gli ambulanti di tutta la Regione Piemonte, chiusure dovute all'istituzione della "zona rossa" con il Dpcm dello scorso 3 novembre 2020. Il loro disagio era stato manifestato apertamente, anche nel territorio Cuneese, con una serie di flashmob organizzati da Fiva Confcommercio per manifestare il malcontento a seguito delle restrizioni governative nel tentativo di contenere il contagio da Covid-19. A partire dalla mattinata di oggi, con il passaggio alla "zona arancione", è ripresa la "normalità" anche per loro.

Il Presidente della Federazione Italiana Venditori Ambulanti della sezione di Cuneo, Gualtiero Chiaramello, anch'egli al lavoro nel suo banco al mercato di piazza Galimberti, ha rilasciato queste dichiarazioni a seguito della riapertura:

"La situazione sta procedendo in modo tranquillo. Non ci sono assembramenti, le distanze sono mantenute correttamente e tutti, tra ambulanti e cittadini, indossano correttamente la mascherina. Ogni banco è munito di gel per le mani e adotta le giuste misure di sicurezza".

Sul mese di stop di novembre, il presidente ha inoltre aggiunto:

"Novembre è stato un vero e proprio  disastro per noi ambulanti. La merce non venduta riempie i magazzini. Quest'ultimo mese solitamente è caratterizzato dal fatto di essere un periodo di alte vendite, ma quest'anno, purtroppo non è andata così. Speriamo che con dicembre si possa recuperare e che l'afflusso di persone, con le dovute misure di sicurezza, sia sostanzioso. Aspetteremo le decisioni del Comune circa la possibilità di fare straordinari e poter aprire i nostri banchi anche in altri giorni rispetto a quelli quotidiani del mercato".

LEGGI ANCHE: Meteo Cuneo: in arrivo la neve anche a basse quote