Menu
Cerca
Fiamme Gialle

Opera in Italia, ma ha la sede legale in Bulgaria: azienda cuneese ha sottratto 2 milioni di euro al fisco

Incastrata dai finanzieri della Tenenza di Fossano, nei guai una società attiva nel settore dell'installazione di impiantistica definita come "esterovestita".

Opera in Italia, ma ha la sede legale in Bulgaria: azienda cuneese ha sottratto 2 milioni di euro al fisco
Cronaca Saluzzo e pianura, 30 Marzo 2021 ore 09:39

Una società operante in provincia di Cuneo ed attiva nel settore dell’installazione di impiantistica è stata incastrata dai finanzieri della Tenenza di Fossano i quali, a seguito di accurati accertamenti, hanno scoperto che quest’ultima, nonostante fosse operativa nel territorio italiano, aveva sede legale in Bulgaria. All’azienda in questione, definita “esterovestita”, è stato possibile ricondurre a tassazione circa 2 milioni di euro che erano stati sottratti, dal 2017 al 2019, all’imposizione del fisco italiano.

Beccata società “esterovestita” in provincia

Il contrasto all’evasione ed elusione fiscale, anche in questo difficile momento legato all’epidemia, in cui resta imprescindibile il rispetto della legalità economico-finanziaria, non conosce sosta per la Guardia di Finanza di Cuneo, con particolare riguardo ai fenomeni maggiormente fraudolenti a danno dell’Erario.

In questo ambito, i finanzieri della Tenenza di Fossano hanno di recente concluso una verifica fiscale nei confronti di una società operante nella Provincia “Granda” ed attiva nel settore dell’installazione di impiantistica. L’attività info-investigativa svolta preliminarmente dai militari fossanesi ha permesso di appurare che la società verificata, sebbene avesse la sede legale in Bulgaria e fosse costituita secondo il modello sociale di quel Paese, in realtà operava prettamente con soggetti economici ubicati in Italia.

Sottratti 2 milioni di euro al fisco italiano

Dagli approfondimenti svolti dalle Fiamme Gialle è emerso che il rappresentante legale della società fosse stabilmente presente sul territorio nazionale. Dalla sua residenza in Provincia di Cuneo, infatti, l’imprenditore di origine est europea dirigeva le attività della sua società, con base effettiva ed operativa nel cuneese.

Avendo i finanzieri, dunque, riscontrato che il “place of effective management” dell’impresa e che la sua operatività fosse pressoché totalmente limitata all’Italia, l’hanno riqualificata come società “esterovestita” operante di fatto sul territorio italiano attraverso la veste giuridica, solo formale, di diritto bulgaro.

TI POTREBBE INTERESSARE: Alcuni giovani uomini sono esposti a forme più gravi di Covid a causa di una rara variazione genetica

All’esito dell’attività ispettiva svolta, è stato possibile ricondurre a tassazione in capo alla società, circa 2 milioni di euro che erano stati sottratti, dal 2017 al 2019, all’imposizione del fisco italiano, avvantaggiandosi dell’imposizione più “leggera” della normativa della Bulgaria.

L’attività dei Finanzieri dipendenti dal Comando Provinciale di Cuneo mira a contrastare le forme più complesse ed articolate di evasione ed elusione fiscale perpetrate da soggetti che, specie nel momento di crisi attuale che ha colpito gli operatori economici rispettosi delle regole, ponendo in essere tali condotte inquinano il settore economico di riferimento attraverso pratiche scorrette e sottraggono risorse economiche dello Stato, in danno dei cittadini.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli