Ambulatori esterni

Nuovi “Drive-in” per tamponi rapidi nel territorio Cuneese FOTO

Lagnasco e Scarnafigi sono i primi comuni del Distretto di Saluzzo in cui i medici di famiglia si sono resi disponibili, sulla base di un progetto approvato dalla Regione Piemonte, a effettuare i test per la rilevazione della positività da Covid-19.

Nuovi “Drive-in” per tamponi rapidi nel territorio Cuneese FOTO
Cronaca Saluzzo e pianura, 27 Novembre 2020 ore 10:55

Lagnasco e Scarnafigi sono i primi comuni del Distretto di Saluzzo in cui i medici di famiglia si sono resi disponibili, sulla base di un progetto approvato dalla Regione Piemonte, a effettuare i tamponi rapidi. Attraverso il sistema consolidato del “Drive-in“, sono stati allestiti ambulatori esterni realizzati per le operazioni di rilevazione alla positività da Covid-19.

“Drive-in” per tamponi rapidi nel distretto di Saluzzo

Il direttore del Distretto, Gabriele Ghigo, che è anche responsabile del servizio Usca di Saluzzo, ha dato maggiori informazioni riguardo ai “Drive-in” per tamponi rapidi:

Il sistema proposto e testato in settimana è quello ormai consolidato del Drive, con l’ausilio della protezione civile locale (che non avrà alcun contatto con i pazienti) al fine di gestire e direzionare i veicoli in attesa di tampone”.

Il progetto, nato come sperimentale ma ormai consolidato come modello, è il prodotto della collaborazione sinergica tra Comuni di Lagnasco e Scarnafigi, che si sono attivati per la logistica e i servizi di supporto, i Mmg dei due Comuni, che hanno condiviso l’iniziativa coinvolgendosi attivamente, e il Distretto Nord Ovest- Saluzzo dell’Asl Cn1 che ha contribuito all’organizzazione e alla messa a disposizione dei materiali, secondo le indicazioni del recente accordo regionale in materia.

I Comuni hanno messo a disposizione la struttura per il Drive, una tenda riscaldata, i collegamenti, i percorsi esterni e il supporto della protezione civile locale. I medici di medicina generale provvederanno a eseguire i tamponi rapidi, validare gli esiti, consegnare agli assistiti il certificato relativo all’esito, caricare gli esiti sulla piattaforma. L’Asl CN1 fornirà sia i dispositivi di protezione individuale sia i tamponi. Destinatari del progetto sono gli assistiti dei medici di medicina generale (Mmg), individuati dai Mmg in quanto rientranti nelle categorie aventi diritto (per anticipo di diagnosi, chiusura di quarantena…), cui il medico stesso effettuerà gratuitamente i tamponi.

In corso di definizione altre sedi

Il servizio di supporto logistico offerto dei Comuni è disponibile anche per altri Mmg dei Comuni limitrofi, i quali, qualora intendano usufruire della struttura, dovranno prenotare telefonicamente all’ufficio comunale. Sono previste sessioni di una-due ore, ogni medico potrà effettuare indicativamente da 10 a 20 tamponi a seduta. Dal Comune di Lagnasco è stata messa a disposizione dei Medici di medicina generale operanti nel territorio comunale, la collaborazione di un’infermiera sulla base di una convenzione con la locale Casa di riposo.

Sono in corso di definizione, sulla base del modello sperimentato nei due Comuni e adattato alle esigenze locali, progetti di attivazione di altre sedi, a valenza comunale o sovra-comunale. E’ prevista a breve l’inizio dell’attività nei Comuni di Verzuolo e Revello, altri potranno seguire successivamente, in base alla disponibilità dei Mmg e delle amministrazioni locali.

LEGGI ANCHE: Il teatro chiuso dal lockdown diventa presidio per i tamponi rapidi

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità