Weekend

Cosa fare a Cuneo e provincia: gli eventi del 10 e 11 febbraio

Mostre, spettacoli e tanti momenti dedicati al Carnevale

Cosa fare a Cuneo e provincia: gli eventi del 10 e 11 febbraio
Pubblicato:
Aggiornato:

Una selezione di eventi per il weekend del 20 e 21 gennaio 2023.

Gli eventi del fine settimana

Cuneo - Carnevale Ragazzi
Domenica 11 febbraio

È in programma domenica 11 febbraio la tradizionale sfilata del “Carnevale Ragazzi” per le vie di Cuneo. La parata, come di consueto, sarà all’insegna del buonumore: “Una cascata di risate” è il tema scelto per la manifestazione, giunta quest’anno alla sua 43ª edizione. La sfilata partirà alle 14.30 da piazza Galimberti - “ammassamento” in via Roma - per poi percorrere corso Nizza fino a piazza Europa. A quel punto ci sarà l’inversione di marcia per il ritorno in piazza Galimberti, dove si terrà la premiazione. Al Carnevale parteciperanno i gruppi mascherati degli oratori e delle parrocchie, la banda musicale “Duccio Galimberti” e le maschere di Cuneo Gironi e Girometta. L’animazione sul palco sarà a cura dell’Associazione “Gli AnimAttori”. L’evento è organizzato dalla Città di Cuneo, con il suo Assessorato ai Servizi Educativi e Scolastici, in collaborazione con la Diocesi di Cuneo – Servizio per la Pastorale dei Ragazzi della Curia. In caso di maltempo l’evento sarà rinviato alla domenica successiva (18 febbraio).

 

Cuneo - Spettacolo teatrale
Domenica 11 febbraio

Domenica 11 alle 21 al teatro Toselli va in scena "LA FEROCIA", dal romanzo di Nicola Lagioia (ideazione VicoQuartoMazzini, regia Michele Altamura, Gabriele Paolocà, adattamento Linda Dalisi, con Roberto Alinghieri, Michele Altamura, Leonardo Capuano, Enrico Casale, Gaetano Colella, Francesca Mazza, Gabriele Paolocà, Andrea Volpetti; produzione SCARTI Centro di Produzione Teatrale d’Innovazione/ Elsinor Centro di Produzione Teatrale/ LAC Lugano Arte e Cultura/ Romaeuropa Festival/Tric Teatri di Bari/ Teatro Nazionale Genova).

La Ferocia, spettacolo tratto dall’omonimo romanzo di Nicola Lagioia (Giulio Einaudi Editore), mette in scena il trionfo e la rovina dell’occidente. Lo fa raccontando la storia della famiglia Salvemini, una saga familiare in cui le colpe dei padri si specchiano nelle debolezze dei figli. Un bestiario che racconta della nostra incapacità di sopprimere l'istinto di prevaricazione e il nostro essere perennemente incatenati alle leggi della natura. La vicenda dei Salvemini ha il calore di una tragedia contemporanea, particolare e universale allo stesso tempo, e si nutre delle parole nate dalla penna di un grande romanziere, nato e cresciuto in un Sud da sempre attraversato da grandi narrazioni.

BIGLIETTI, costi e modalità di acquisto (anche on line) a questa pagina.

 

Cuneo - Mostra in biblioteca
Sabato 11 febbraio

La Biblioteca civica ospita una mostra documentaria dedicata a don Giuseppe Francesco Meyranesio (1728-1793) parroco, ricercatore, storico, scrittore, epigrafista ed erudito, vissuto nel secolo XVIII tra le montagne dell'alta Valle Stura, lontano dalle comodità della vita e degli studi, che è riuscito, con le sue ricerche, a coinvolgere il mondo degli studiosi del tempo, portando la sua notorietà e la sua fama fino ai massimi livelli raggiungendo addirittura il Re, il Papa e un Premio Nobel. L'esposizione prosegue, negli orari di apertura della biblioteca, fino al 28 febbraio. Info: 0171.444640.

 

Cuneo - In mostra le opere di Lotto e Tibaldi
Fino al 17 marzo 2024

Per la prima volta in mostra nove Capolavori dalla Santa Casa di Loreto. Negli spazi del Complesso Monumentale di San Francesco , la Fondazione CRC e Intesa Sanpaolo hanno inaugurato la mostra “Lorenzo Lotto e Pellegrino Tibaldi. Capolavori dalla Santa Casa di Loreto”. Il percorso espositivo presenta nove opere, che provengono dal Museo Pontificio Santa Casa di Loreto: sette dipinti di Lorenzo Lotto, che costituiscono il cosiddetto “ciclo lauretano” del pittore, e due affreschi di Pellegrino Tibaldi. Tra le opere lottesche, meritano particolare attenzione San Michele caccia Lucifero, presentato per la prima volta al pubblico dopo un recentissimo restauro, e l’Adorazione del Bambino, restaurata grazie al programma di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio italiano “Restituzioni 2016”, promosso e curato da Intesa Sanpaolo. La mostra è a cura di Vito Punzi, direttore Museo Pontificio Santa Casa di Loreto, e vede il supporto organizzativo di MondoMostre.

La mostra a ingresso gratuito sarà visitabile fino al 17 marzo dal martedì al venerdì dalle 15.30 alle 19.30 (al mattino apertura solo su prenotazione per scuole e gruppi), mentre il sabato e la domenica seguirà un orario continuato dalle 10 alle 19.30. Durante tutto il periodo di apertura è previsto un ampio programma di attività collaterali e laboratori didattici.

 

 

Cuneo - Mostra dedicata a Shulz e ai Peanuts
Fino al primo aprile 2024

Nel corso di quasi 50 anni, Charles M. Schulz ha ideato, scritto, disegnato a matita e inchiostrato 17.897 strip giornaliere e tavole domenicali dei Peanuts. A Cuneo, nello Spazio Innovazione di via Roma 17, lo scorso 6 ottobre si è alzato il sipario su una speciale mostra dedicata al genio creativo del più grande cartoonist del XX secolo che, strip dopo strip ha realizzato un’opera poetica dal fascino eterno, capace di lasciare un segno indelebile nel mondo della letteratura disegnata. La mostra "Charles M. Schulz - Una vita con i Peanuts" a cura di Federico Fiecconi è un progetto di CRC Innova e CUADRI, in associazione con Charles M. Schulz Museum, Exhibition design and experience a cura di Centrica Srl. Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con Peanuts Worldwide LLC, Dall'Angelo Pictures, Normaal, Rai Kids - anche Media Partner della mostra e con il contributo di Fondazione CRC e il sostegno di Generali, ACDA, Giuggia Costruzioni, Gino, Sedamyl, Bottero, TESISQUARE e con il patrocinio di Regione Piemonte, Provincia di Cuneo e Comune di Cuneo. Apertura al pubblico fino al 1 aprile 2024: sabato e domenica 10-13, 15-20. Da Martedì a venerdì dalle 15.30 alle 20. Ingresso libero e gratuito.

 

Alba - Mostra "Ti racconto 46 storie"
Fino al 25 febbraio

E' stata inaugurata il 3 febbraio la mostra “Ti racconto 46 storie” a cura del Gruppo Fotografico Albese, nell’ambito della rassegna “Alba Foto Festival 2024”, nel Palazzo Mostre e Congressi “G. Morra” in piazza Medford ad Alba con ingresso gratuito. 760 sono stati gli ingressi nel primo weekend. Fino a domenica 25 febbraio in esposizione 46 storie firmate da 38 fotografi del Gruppo Fotografico Albese raccontano Alba e l’albese, un territorio narrato attraverso le persone, con occhi nuovi nel presente, ma con lo sguardo rivolto al futuro. 283 immagini su un’entità geografica, ma anche e soprattutto su una realtà umana, sociale, economica, culturale, associativa. Orari: sabato: dalle ore 10.00 alle ore 12.30; dalle ore 15.00 alle ore 23.00; domenica: dalle ore 10.00 alle ore 12.30; dalle ore 15.00 alle ore 20.00.

 

 

Bra - Mostra "Qui ci sei anche tu"
Da sabato 3 al 25 febbraio

Prosegue "Qui ci sei anche tu”, la mostra personale di Maura Boccato a Palazzo Mathis inaugurata il 3 febbraio. Oltre cinquanta opere in mostra con gli acquarelli, le incisioni, i pastelli e le tecniche miste che compongono l’esposizione “Qui ci sei anche tu”, una raccolta di opere che racconta le diverse fasi artistiche della braidese Maura Boccato. La mostra sarà visitabile a Palazzo Mathis, a Bra, fino al 25 febbraio. Vari sono i temi rappresentati: paesaggi, immagini nate per illustrare raccolte di poesie e racconti, labirinti. Proprio a questi ultimi sono dedicate due delle sale espositive, in quanto costituiscono il tema di ricerca più recente dell’artista, che a partire dai suoi studi sulla mitologia greca ha approfondito e sviluppato questo tipo di soggetto. Le opere realizzate in tale ambito fino a oggi sono più di cento, alcune delle quali rappresentano un dedalo all’interno di abitazioni: una metafora artistica per raccontare come le difficoltà spesso siano all’interno di noi, nella nostra quotidianità, e non solo all’esterno. Nel corso della sua carriera, Maura Boccato ha esposto le sue opere in più di trenta città, sia in Italia che all’estero. Vive e lavora a Bra.

L’ingresso alla mostra è gratuito. Orari: lunedì, martedì, giovedì: 9-12,30 e 15-17,30; mercoledì e venerdì: 9-12,30; sabato e domenica: 15-18. Maggiori informazioni presso l’Ufficio Cultura e Manifestazioni (0172.430185 – turismo@comune.bra.cn.it).

 

 

Mondovì - Carnevale
Fino al 25 febbraio

Largo, largo alle maschere del Carlevé 'd Mondvì! Dal 3 al 25 febbraio, le tradizionali maschere del carnevale di Mondovì animeranno la Città con un ricco programma di iniziative per tutti i gusti! Sia sabato 10 che domenica 11 sono in programma diversi momenti per grandi e piccini all'insegna dell'allegria.

QUI tutto il programma e tutti i dettagli.

 

 

Mondovì - Mostra "Istantanee del ricordo"
Fino al 25 febbraio

Il Giorno del Ricordo quest'anno Mondovì lo celebra proponendo una mostra che presenta una serie di immagini storiche delle località che, negli anni della guerra e nel secondo dopoguerra, sarebbero diventate i punti di partenza dell'esodo istro-giuliano-dalmata. Le istantanee presentate sono per lo più tratte da cartoline storiche risalenti ai primi decenni del Novecento, quando le comunità italiane, da secoli presenti nell'Istria, nel Golfo del Quarnaro e nella Dalmazia, convivevano pacificamente con le altre popolazioni presenti. Una mostra del ricordo, della suggestione e della nostalgia, che prescinde dalle tragiche vicende determinate dall'avvento della sciagurata politica accesamente nazionalista attuata dal fascismo, dai tragici fatti della Seconda Guerra Mondiale e dalla Guerra Fredda al termine del conflitto; fattori che determinarono la tragedia dell'esodo e la diaspora giuliano-dalmata nel mondo. La mostra è corredata da una serie di quadri, anch'essi riproducenti immagini dei luoghi dell'esodo, e da pannelli didascalici che ripercorrono le vicende storiche del confine orientale.

L'esposizione è organizzata grazie ai documenti conservati nell'archivio del Comitato torinese dell'A.N.V.G.D. (Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia). Un particolare ringraziamento va ad Antonio Vatta e a Egidio Rocchi, rispettivamente presidente e conservatore di questa associazione. La mostra è allestita nell'Antico Palazzo di Città (via Giolitti, 1 Mondovì Piazza) fino al 25 febbraio; ORARI DI APERTURA: dal martedì alla domenica, dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00.

 

 

Savigliano - Carnevale
Sabato 10 e domenica 11 febbraio

Entra nel vivo il “Carlevè 'd Savian” 2024, organizzato dal Comune di Savigliano in collaborazione con la Società di Mutuo Soccorso cittadina, che vedrà il suo clou nel fine settimana. Sabato 10 febbraio, sotto l'Ala di piazza del Popolo, dalle 20 all'1 andrà in scena “Carnevale in consolle”, con dj-set a firma di Sic. Una serata a cura della Consulta Giovani e della sezione giovani del Mutuo Soccorso. Domenica 11 febbraio – dalle 15, in piazza del Popolo – spazio alla tradizionale “Festa dei bambini”. Un allegro pomeriggio in maschera dedicato a bambini, ragazzi e famiglie.

«Oltre alla partecipazione di Sarasèt, Sarasëtta e di tutto il gruppo maschere – spiegano gli organizzatori – ci sarà lo stand trucca-bimbi e palloncini, con la Croce Rossa saviglianese, ed i giochi del Ludobus. La festa sarà animata da Andrea Caponnetto e dj Johnny Manfredi. Al termine, merenda per tutti (a base di pane e nutella, frittelle di mele e cioccolata) a cura della proloco Savigliano, proloco Levaldigi, Gruppo Alpini Savigliano e Penne Nere di Levaldigi».

 

 

Saluzzo - Carnevale degli oratori
Domenica 11 febbraio

Dopo la grande sfilata cittadina con la vittoria del carro di Luserna San Giovanni-Cavour, che si è aggiudicato il tradizionale “Trofeo Rosatello”, prosegue il programma del 96° Carnevale Città di Saluzzo – 6° “Carnevale delle 2 Province”. Sabato 10 febbraio alle 10 a Saluzzo, presso l’ala di ferro si terrà la tradizionale “Colazione di Ciaferlin”. Domenica 11 febbraio, dalle 14, via al 7° Carnevale degli Oratori con la sfilata dei carri e gran baldoria nel centro cittadino. Alla stessa ora, a Rivoli, si terrà la grande parata del 70° Carnevale di Rivoli con chiusura del “Carnevale delle 2 Province”. Lunedì 12 febbraio alle 15, al Pala Crs di Saluzzo, ballo dei bambini con Marco Marzi e Marco Skarica e alle 20, sempre al Pala Crs, polentata e gran ballo serale con l’orchestra Aurelio Seimandi.

Alla sfilata di domenica 11 febbraio nel centro cittadino parteciperanno i carri dell’Oratorio don Bosco di Saluzzo (“Inside Out – Odb”), delle parrocchie di Verzuolo (“I pagliacci di Verzuolo”), dell’oratorio di Piasco/Rossana (“Inside Out with us”), dell’oratorio di San Giacomo Pratavecchia/Sant’Antonio Monastero (“Leg-Oratorio”), dell’oratorio San Luigi di Dronero (“Puffolandia”) e quello dell’oratorio Sacra Famiglia di Roccabruna (“La carica dei 41”).

 

Saluzzo e Caraglio - Fotografia al femminile
Fino al 25 febbraio 2024

Donne dietro la macchina fotografica, ma anche poste dinanzi. Donne autrici di immagini con cui esprimono la propria visione del mondo oppure immortalate da scatti che esplorano le molteplici dimensioni dell’universo femminile, divenendo, le une come le altre, protagoniste di un intenso racconto sull’evoluzione della società nel corso degli ultimi decenni. Racconta questo e molto altro il doppio appuntamento espositivo d’autunno con la grande fotografia d’autore della celebre agenzia Magnum in programma nella provincia di Cuneo.

Due mostre in dialogo reciproco, allestite a Saluzzo e a Caraglio, che trovano il loro comune denominatore proprio nel ruolo della donna fotografa e fotografata. C'è “Fotografia è donna. L’universo femminile in 120 scatti dell’agenzia Magnum Photos, dal Dopoguerra a oggi”, fino al 25 febbraio 2024, nell’antico castello, oggi museo, de La Castiglia di Saluzzo, propone un percorso fra le più iconiche immagini sul tema dell’archivio Magnum, realizzate in prima persona da autrici di fama internazionale e da alcuni celebri colleghi che, guardando alla condizione femminile nel mondo, hanno documentato le mutazioni sociali degli ultimi settant’anni. Esposti, fra gli altri, lavori di Eve Arnold, Robert Capa, Cristina De Middel, Elliott Erwitt, Susan Meiselas, Alessandra Sanguinetti. La Castiglia di Saluzzo sarà accessibile al pubblico dalle ore 15 alle 19 del venerdì e dalle ore 10 alle 19 di sabati, domeniche e festivi.

Svela invece il profondo e mai convenzionale sguardo sulla realtà di una donna, consacrata fra le più importanti fotografe del XX secolo, la mostra monografica “Inge Morath. L’occhio e l’anima” che al Filatoio di Caraglio, fino al 25 febbraio 2024, celebra, nel centenario dalla nascita, la prima fotogiornalista nella storia della stessa agenzia Magnum, portando oltre 200 delle sue opere nelle sale dello storico opificio, che per secoli ha impiegato proprio la manodopera femminile nella filatura della seta. E' possibile acquistare i biglietti di entrambe le mostre in prevendita su ticket.it.

 

 

Garessio - L'infanzia rubata
Fino al 25 febbraio

Prosegue presso l'Ufficio Turistico a Garessio, in Via Vittorio Emanuele II, 148, la mostra: "L'infanzia rubata", a cura dell'Istituto Storico della Resistenza di Cuneo. Visitabile, nei fine settimana, fino al 25 febbraio 2024.

Se invece volete fare un giro fuori zona cliccate qui per scoprire gli eventi di sabato 10 e domenica 11 febbraio 2024 in Piemonte.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali