Istituto "Guala"

Bra, primo passo per la realizzazione di una nuova scuola superiore in piazza Arpino

Approvato in Consiglio Comunale il protocollo per l’acquisizione dell’area interessata che introduce anche riqualificazioni urbane e servizi.

Bra, primo passo per la realizzazione di una nuova scuola superiore in piazza Arpino
Scuola Bra e Roero, 16 Febbraio 2021 ore 11:47

Un primo passo verso la realizzazione di una nuova scuola superiore in piazza Arpino, con l’approvazione di un protocollo di intesa per l’acquisizione dell’area interessata che introduce anche riqualificazioni urbane e servizi. E’ quanto approvato ieri sera, 15 febbraio 2021, dal Consiglio comunale di Bra.

Nuova scuola superiore in piazza Arpino

L’assemblea ha infatti dato il via libera all’acquisizione del terreno (già avente destinazione d’uso pertinente) per la realizzazione del nuovo polo tecnico cittadino destinato ad ospitare l’istituto “Guala”, la cui fattibilità si è resa possibile nel corso dell’ultimo anno grazie agli accordi con Regione Piemonte e Provincia di Cuneo e alla disponibilità della proprietà alla cessione dell’area scolastica in tempi brevi, individuati entro il 15 aprile 2021. Si tratta di un’area di oltre 11 mila metri quadri, per un valore di 294mila euro, a cui si aggiunge la cessione a titolo gratuito di ulteriori 5mila metri quadri per la realizzazione di aree destinate a verde attrezzato, parcheggi pubblici, l’ampliamento di via De Gasperi e di una nuova strada di accesso.

Il protocollo d’intesa tra il Comune di Bra e la proprietà del sito, illustrato dall’assessore all’Urbanistica Anna Brizio, introduce anche due modifiche al Piano Regolatore che permettono, da una parte, attraverso il cambio di destinazione d’uso da “residenziale” a “servizi sociali” di un’area adiacente alla scuola, la realizzazione di una casa di riposo e una innovativa struttura di co-housing per anziani autosufficienti. Dall’altra, tramite una modifica al Piano di Edilizia Convenzionata previsto dal PRG vigente nella zona di via Piumati, attualmente in situazione di stallo, si rende possibile un intervento di riqualificazione urbanistica dei fabbricati, della viabilità e delle aree per servizi, con salvaguardia degli immobili esistenti dal valore storico, maggiori aree a destinazione terziario commerciale e la riqualificazione della strada e del parcheggio adiacente agli orti urbani.

Lo schema di protocollo di intesa è stato approvato con i voti favorevoli di tutti i consiglieri presenti, ad eccezione della consigliera Annalisa Genta (Coraggio si Cambia – Fratelli d’Italia), astenutasi per “contrarietà al metodo proposto” (protocollo d’intesa “che unisce interessi pubblici e privati”)