Idee & Consigli

Igiene orale: 6 comportamenti a cui prestare attenzione

Igiene orale: 6 comportamenti a cui prestare attenzione
Idee & Consigli 26 Luglio 2021 ore 12:22

L’igiene orale è una parte importante della cura della persona. Nel momento in cui la si chiama in causa, esistono alcuni punti fermi che non bisogna dimenticare. Innanzitutto, occorre parlare dei controlli dal dentista come elemento importante. Non importa che si abbia come riferimento un dentista a Cuneo o un professionista in un’altra città: quello che conta, è farsi controllare con regolarità e secondo le indicazioni del professionista.

Chiarito questo aspetto, è il caso di parlare di un aspetto relativo alla vita quotidiana. Quale, di preciso? Gli errori che spesso si commettono nella gestione dell’igiene orale. Quali sono? Nelle prossime righe di questo articolo, ne abbiamo selezionati sei (tra i tanti che si potrebbero chiamare in causa). 

Lavarsi i denti subito dopo un pasto 

Ci hanno insegnato, fin da piccoli, che lavarsi i denti dopo ogni pasto è fondamentale per la salute dei denti e del cavo orale in generale. Verissimo, non c’è dubbio. Nell'eseguire questa buona abitudine anche la tempistica ha il suo ruolo. Se, per esempio, ci si mette davanti al lavandino prima che siano trascorsi almeno 30 minuti dalla fine del pasto, il rischio è quello di intaccare lo smalto. Il cibo, infatti, altera il pH orale con le sue particelle che, quando sono presenti nel cavo orale, rendono lo smalto dei denti più fragile e soggetto ad abrasioni.  

Spazzolare i denti in senso orizzontale 

Questa abitudine che riguarda tantissime persone è sconsigliabile sia per lo smalto, sia per le gengive. Quest’ultime, infatti, possono essere interessate da recessioni. Lo smalto, invece, il caso di spazzolamento orizzontale può andare incontro ad abrasioni. 

Spazzolare con forza 

Talvolta le persone tendono a spazzolare i denti con forza, senza sapere che l’eccessivo utilizzo della forza nel lavare i denti non è sempre sinonimo di lavaggio efficace ed efficiente. Sfregare forte e applicare più pressione di quanta ne serva realmente potrebbe infatti aiutare il sorgere di alcuni inconvenienti. Si consiglia sempre di confrontarsi con un professionista, anche per una cosa che potrebbe apparire semplice e scontata come questa.

Poca attenzione alle setole 

Nel momento in cui si valuta la scelta di uno spazzolino piuttosto che di un altro, è molto importante fare attenzione alle caratteristiche delle setole (aspetto talvolta messo in secondo piano a favore del focus su dotazioni tecnologiche sì utili, ma non sufficienti da sole). 

In linea di massima, è il caso di evitare di focalizzarsi su spazzolini da denti caratterizzati da setole troppo dure. Il motivo è presto spiegato: possono irritare o provocare microtraumi. L’ideale sarebbe focalizzarsi su spazzolini caratterizzati da setole medio-morbide. 

Rimuovere totalmente il dentifricio dalla bocca dopo aver finito di lavarsi i denti 

Eccoci a parlare di un errore di cui pochi conoscono le conseguenze. Nel momento in cui si completa il lavaggio dei denti, è molto importante evitare di rimuovere dalla bocca i residui di dentifricio. Anche in questo caso, il motivo è molto semplice: non bisogna infatti dimenticare che questo prodotto è caratterizzato dalla presenza di diversi ingredienti che permettono di apprezzare, nel corso del tempo, un miglioramento della qualità dello smalto. Si tratta, in particolare, di fluoro e composti mineralizzanti. 

Nel momento in cui si termina il lavaggio dei denti, bisogna sì sciacquarsi la bocca, ma se rimane qualche residuo di dentifricio lasciarlo lì. 

Trascurare l’alimentazione 

Purtroppo, non siamo molto abituati a pensare all’alimentazione come a un’alleata dell’igiene orale. Bene, è così! I cibi consigliati sono diversi. Tra i tanti da chiamare in causa rientrano le fonti di vitamina C, che possono aiutare a prevenire le infiammazioni dentali, ma anche il latte e i suoi derivati che, in quanto fonti di calcio, aiutano a rendere più forte lo smalto. 

Informazioni sulla struttura: Direttore Sanitario Dott. Mario Frusi iscritto all’Albo Provinciale dei Medici Chirurghi di CUNEO n.1869 dal 28/05/1981, Primo S.p.A., Corso Carlo Brunet, 13, 12100 Cuneo CN

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter