Tutto dipenderà dall'incidenza

Piemonte in zona arancione da lunedì, ma la provincia di Cuneo rischia di restare rossa

Una situazione che non incide sulle scuole, che torneranno regolarmente in presenza a partire da lunedì, al 100% fino alla terza media e al 50% per le superiori.

Piemonte in zona arancione da lunedì, ma la provincia di Cuneo rischia di restare rossa
Politica Cuneo città, 10 Aprile 2021 ore 11:03

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha appena confermato per il Piemonte il passaggio in zona arancione a partire da lunedì 12 aprile 2021, ma ha anche segnalato che in due province l’incidenza è ancora sopra la soglia di allerta. Si tratta di Torino e Cuneo per le quali, alla luce del nuovo decreto, andrebbero mantenute misure più restrittive fino all’abbassamento dell’incidenza sotto i 250 casi su 100 mila abitanti.

Cuneo arancione (forse) da metà settimana

Ebbene, la decisione finale sul colore della nostra provincia, e di quella torinese, dipenderà dalle scelte che verranno adottate nel corso dell'incontro della Regione con gli epidemiologi e con l’Unità di crisi, che si terrà oggi, sabato 10 aprile 2021, dalle 13. Agli esperti è stata chiesta una relazione tecnica sui tempi previsti per il rientro della soglia di allerta in queste due province, dove la zona arancione potrebbe scattare qualche giorno dopo, presumibilmente a metà della prossima settimana tra mercoledì e giovedì.

Fattore incidenza dei contagi

Come proposto da qualche settimana a questa parte, per comprendere al meglio la situazione Covid-19 nella Granda, è fondamentale dare attenzione al trend della curva di incidenza dei contagi, il fattore che, insieme all'indice Rt, determina la gravità delle restrizioni di una determinata area territoriale (regionale, provinciale o comunale che sia).

La grafica qui sopra (estrapolata dai i dati messi a disposizione dal dottor Paolo Spada, medico dell’ospedale Humanitas di Rozzano) mostra l'andamento della curva di incidenza nella Granda. Come ben si può constatare, dal 27 marzo 2021, giorno in cui il numero casi positivi ogni 100mila abitanti aveva raggiunto il picco massimo di 458, il trend ha iniziato gradualmente a decrescere, evidenziando inoltre forti discese verso il basso dalla giornata di lunedì 5 aprile 2021.

Stando ai dati di ieri, venerdì 9 aprile 2021, l'incidenza dei positivi ogni 100mila abitanti in provincia di Cuneo si è assestata a quota 272, un dato confortante visto il perdurare di livelli di incidenza elevati che hanno accompagnato la Granda per diverse settimane. Nonostante i miglioramenti, tuttavia, al momento l'incidenza risulta ancora superiore alla soglia limite di 250 casi su 100 mila abitanti stabilita dal Governo per un allentamento delle restrizioni da zona rossa.

TI POTREBBE INTERESSARE: Papa Francesco: "Vaccini strumento essenziale: presto nei Paesi poveri"

In questo senso, analizzare il trend dell'incidenza nei prossimi giorni permetterà di comprendere se, per la provincia di Cuneo, sarà possibile passare in zona arancione già da metà della prossima settimana.

LA MAPPA INTERATTIVA:

Scuole regolarmente aperte

Questa situazione non incide comunque sulle scuole, che torneranno regolarmente in presenza a partire da lunedì 12 aprile, al 100% fino alla terza media e al 50% per le superiori, incluso nelle province di Torino e Cuneo.