Economia
CUNEO E PROVINCIA

Domani al via i saldi invernali in tutta la regione. Commercianti: "Siamo fiduciosi!"

Chiapella, presidente Confcommercio: "I saldi invernali sono una parte importante del fatturato annuale dei negozi di vicinato".

Domani al via i saldi invernali in tutta la regione. Commercianti: "Siamo fiduciosi!"
Economia Cuneo città, 04 Gennaio 2022 ore 13:19

Nella giornata di domani, mercoledì 5 gennaio 2022, iniziano il saldi invernali in tutto il Piemonte. A far da sfondo, per il secondo anno consecutivo al mondo dello shopping, c'è la pandemia e i suoi effetti.

Commercianti fiduciosi

I commercianti si dicono fiduciosi nonostante le limitazioni che il contagio porta con sé. A livello nazionale, secondo le stime dell’Ufficio Studi Confcommercio si stima una spesa pro capite di 119 euro e un giro d'affari da 4,2 miliardi.

Chiapella, presidente Confcommercio: "I saldi invernali sono una parte importante del fatturato annuale dei negozi di vicinato"

"I saldi invernali sono una parte importante del fatturato annuale dei negozi di vicinato, non solo per quelli di abbigliamento e calzature, ma per tutti gli altri - aggiunge Luca Chiapella, presidente Confcommercio Cuneo - . La scelta di cominciare quasi tutti insieme a livello nazionale va nella direzione del rispetto nei confronti della clientela e serve ad evitare confusione nei consumatori, già troppo frastornati da mille specchi per allodole. Nel momento di incertezza generale che stiamo ancora vivendo a causa della pandemia, quello dei saldi invernali rappresenta un momento importante che aiuta a respirare un po’ di normalità. Tornare in negozio dopo Natale può essere sicuramente l’occasione per cercare l’affare completando lo shopping pre natalizio, ma soprattutto per ridare fiducia e cogliere tutti i vantaggi di un rapporto diretto con il negoziante".

Sulla stessa lunghezza d'onda anche FederModa:

"La sensazione generale è positiva, in quanto la percezione che abbiamo è che il cliente ci accorderà la sua preferenza anche per i saldi invernali, così come già avvenuto per gli acquisti legati alle feste di fine anno - sottolinea Roberto Ricchiardi, presidente Federmoda Cuneo, in una nota ufficiale congiunta con Confcommercio - . Nei negozi reali, ovvero quelli di vicinato, il cliente ha un rapporto diretto con il titolare, conosce di persona i commessi, può prendere in mano, provare e verificare la qualità di quello che compra, si fida di più ed è più tranquillo".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter