Cronaca
Salvata dai passanti

Voleva trascinarla in spiaggia per abusare di lei, grande paura per una 19enne di Cuneo a Rimini

Autore del fatto un 28enne di origini tunisine completamente ubriaco: denunciato dalla polizia per molestie sessuali.

Voleva trascinarla in spiaggia per abusare di lei, grande paura per una 19enne di Cuneo a Rimini
Cronaca Cuneo città, 18 Agosto 2021 ore 15:41

Grande paura per una giovane ragazza di 19 anni in vacanza con gli amici a Rimini. Nel corso della scorsa notte, verso le 4, è stata avvicinata da un 28enne tunisino completamente ubriaco, il quale, l'ha strattonata per le braccia tentando di portarla in spiaggia e abusare di lei. La ragazza è stata salvata dall'intervento dei passanti. L'aggressore è stato denunciato dalla polizia per molestie sessuali.

Grande paura per una 19enne di Cuneo a Rimini

Un episodio che sarebbe potuto degenerare in dramma se non fosse stato per il tempestivo intervento di alcuni passanti. Come racconta "News Rimini", una giovane ragazza cuneese di 19 anni, che si trovava in vacanza a Rimini con alcuni amici, la scorsa notte, verso le 4, dopo aver perso di vista la sua comitiva, è stata avvicinata in piazzale Kennedy da un 28enne tunisino completamente ubriaco. L'uomo, inizialmente, ha cercato di corteggiarla, ma la ragazza non gli ha dato minimamente corda. A quel punto il 28enne è passato alle maniere forti afferrandola dalle braccia nel tentativo di trascinarla in spiaggia per abusare di lei.

La giovane, spaventata da quanto stava succedendo, ha cominciato a gridare a squarciagola. Le sue urla sono state sentite da un gruppo di passanti che transitava nel piazzale, accorso in aiuto della 19enne cuneese. Il ragazzo tunisino ha quindi mollato la presa.

Sul posto sono intervenuti infine gli agenti della polizia stradale di Rimini che erano di pattuglia lungo la strada. I poliziotti hanno bloccato il 28enne tunisino che si stava allontanando. Ricostruita la vicenda, gli agenti hanno provveduto a denunciare a piede libero il nordafricano per molestie sessuali e a sanzionarlo per ubriachezza.