Pericolo scampato

Viaggia in contromano in autostrada: lo fermano in stato confusionale - VIDEO

Decisivo l'intervento della Polizia stradale che è riuscito a fermare l'uomo alla guida del furgone nel tratto tra Marene e Fossano

Pubblicato:
Aggiornato:

La notte del 3 luglio, alle ore 1.30 circa, è giunta al Centro Operativo Polizia Stradale di Torino la segnalazione di una vettura che stava percorrendo contromano la carreggiata direzione nord dell’Autostrada A6.

Viaggia in contromano in autostrada

La comunicazione è stata immediatamente inoltrata alle pattuglie della Polizia Stradale di Cuneo che si sono messe alla ricerca del veicolo. Nel percorrere il tratto tra Marene e Fossano in direzione Savona i poliziotti hanno notato nella carreggiata opposta un Fiat Doblò che anziché procedere nella direzione Torino, viaggiava nella loro stessa direzione schivando i veicoli che sopraggiungevano.

Le pattuglie della Sottosezione Polizia Stradale di Bra e di Mondovì hanno quindi attivato le procedure di emergenza previste in questi casi, azionando sirena e lampeggianti nel tentativo di attirare l’attenzione del veicolo contromano.

Dopo alcuni chilometri percorsi appaiati al furgone in continua segnalazione di emergenza (divisi solo dal guardrail di separazione delle carreggiate) l’utente si è avveduto di aver sbagliato ed arrestava la marcia. E' stato quindi subito messo in sicurezza da un'altra pattuglia e da un mezzo della viabilità autostradale nei pressi dello svincolo di Fossano.

L'uomo alla guida era in stato confusionale

L’utente, un italiano di circa 50 anni residente fuori provincia, negativo ai test di alcool e droga, è stato trovato in stato confusionale e quindi soccorso e trasportato presso l’ospedale di Savigliano per accertamenti.

Il soggetto è stato sanzionato per la manovra in violazione al codice della strada con il ritiro della patente ed il veicolo sottoposto a fermo amministrativo.

Grazie al tempestivo intervento della Polizia Stradale la manovra non ha causato incidenti o altro tipo di danno.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali