Sicurezza stradale, i numeri illustrati nella Giornata del ricordo delle vittime

Appuntamento domenica 17 novembre per presentare la ricerca effettuata sul territorio.

Sicurezza stradale, i numeri illustrati nella Giornata del ricordo delle vittime
Cuneo città, 12 Novembre 2019 ore 11:42

La terza domenica di novembre (quest’anno il 17 novembre 2019 ) si celebra, ogni anno, la “Giornata mondiale del ricordo delle vittime della strada“.

Un percorso di tanti Passi

In Italia la ricorrenza è stata istituita e formalizzata per legge come “Giornata nazionale in memoria delle vittime della strada”, doveroso riconoscimento per  il costante impegno sulla tematica da parte dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della strada, aderente alla Federazione Europea delle Vittime della Strada.  In occasione di questa “giornata dedicata“, per fare una riflessione in tema di sicurezza stradale anche attraverso i dati, il Settore Epidemiologia Aziendale propone uno “speciale PASSI” con i dati raccolti dalla voce diretta dei cittadini, attraverso le interviste telefoniche del Sistema di sorveglianza di popolazione P.A.S.S.I. (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia).

Dati di Cuneo e territorio

Spiega la responsabile Maria Teresa Puglisi: “Nell’ASL CN1 anche se il 6% degli intervistati ha comunque dichiarato di aver guidato un’auto o una moto, negli ultimi 30 giorni, entro un’ora dal consumo di 2 o più Unità Alcoliche,  il dato è inferiore, anche se di poco, a quello regionale (7%). L’utilizzo della cintura anteriore è riferito quasi dalla totalità degli intervistati (96%), mentre la cintura posteriore è utilizzata soltanto dal 42% dei soggetti. Anche se per la proporzione di soggetti che riferiscono l’utilizzo di questi due dispositivi  è superiore a quella regionale (rispettivamente 93% e 30%), l’abitudine deve essere incentivata”. Con la sorveglianza Passi si rileva anche l’utilizzo di seggiolini e/o adattatori per il trasporto in auto di bambini: tra chi ha dichiarato di vivere con bambini di 0-6 anni, il 16% ha difficoltà nell’utilizzare questi dispositivi di sicurezza.

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità