Cronaca
A Mondovì

Si ritira prima della presentazione della lista a causa del video hard che gira su WhatsApp

Accade ad un aspirante consigliere comunale in lista con l'Udc che per quanto accaduto ha sporto denuncia alla Polizia Postale.

Si ritira prima della presentazione della lista a causa del video hard che gira su WhatsApp
Cronaca Mondovi, 13 Maggio 2022 ore 15:25

La campagna elettorale a Mondovì per l'elezione del nuovo sindaco si accende in vista delle votazioni del prossimo 12 giugno 2022. A creare dibattito e polemica nel corso delle ultime ore la vicenda che ha riguardato un aspirante consigliere comunale dell'Udc che ha dovuto ritirarsi prima della presentazione della lista. La sua rinuncia alla corsa elettorale riguarda il fatto che su Internet è stato pubblicato, a sua insaputa, un video hard che in pochissimo tempo è diventato virale soprattutto su WhatsApp, creando non poco imbarazzo nel gruppo elettorale in lizza per giunta comunale.

Si ritira prima della presentazione della lista a causa del video hard che gira su WhatsApp

Una vicenda che non gli ha lasciato alcuna via d'uscita se non quella di dimettersi ufficialmente dalla lista elettorale. Le elezioni amministrative di Mondovì si sono accese particolarmente nel corso delle ultime ore dopo che online è stato pubblicato un video hard che ha visto protagonista un aspirante consigliere comunale della lista dell'Udc, nella coalizione di centro destra. Un filmato messo in Rete a sua insaputa e che, in pochissimo tempo, è diventato virale nelle chat di WhatsApp soprattutto dei cittadini di Mondovì. Il diretto interessato, a seguito di quanto accaduto, ha sporto subito denuncia alla Polizia Postale, ma per il danno alla sua immagine pubblica ha dovuto dimettersi dalla sua candidatura al consiglio comunale.

Il video è stato immediatamente cancellato dal Web, tuttavia, fermare immagini e filmati diffusi nelle chat private non risulta così particolarmente facile. Nessun illecito, si tratta infatti di un fatto di vita privata che ha però contribuito a scaldare gli animi a Mondovì, in piena campagna elettorale.

"La sfera privata rimane tale"

In merito alla vicenda, si è espresso il candidato a sindaco Enrico Rosso (Energie per Mondovì)

"L'unica attività di monitoraggio da parte dei responsabili delle liste a sostegno riguarda i certificati penali di chi intende candidarsi, per verificare preliminarmente le condizioni di incandidabilità. La sfera privata rimane tale. A quanto mi risulta l'aspirante consigliere ha ritirato la propria candidatura prima che la lista venisse formalmente depositata".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter