Verso le 5,30

Recuperato nella notte lo scalatore caduto per una decina di metri in val Maira

L’uomo ha riportato un trauma toracico e ad un arto superiore. A causa del buio non si è potuta inviare l’eliambulanza. I soccorritori sono intervenuti a piedi e con gli sci.

Recuperato nella notte lo scalatore caduto per una decina di metri in val Maira
Cronaca Montagna e valli, 27 Febbraio 2021 ore 09:58

Si è concluso verso le 5,30 di oggi, sabato 27 febbraio 2021, l’intervento di recupero del Soccorso Alpino e Speleologico piemontese in val Maira. Lo scalatore che nel tardo pomeriggio di ieri è caduto per una decina di metri nella zona tra Rocca e Torre Castello, nel Comune di Acceglio (Cuneo), fortunatamente non aveva riportato gravi lesioni a seguito dell’incidente.

Scalatore cade per una decina di metri in val Maira

La chiamata d’emergenza al Soccorso Alpino e Speleologico piemontese è stata effettuata verso le 18,20 di ieri, venerdì 26 febbraio 2021, dopo che, nella zona della val Maira tra Rocca e Torre Castello, Comune di Acceglio (Cuneo), uno scalatore, che insieme ad un compagno di cordata stavano percorrendo il “Camino Palestro”, è precipitato per una decina di metri.

I tecnici del Soccorso Alpino hanno quindi proceduto con le operazioni di recupero dell’infortunato, anche se, a causa del buio, non era possibile inviare l’eliambulanza del 118. I soccorritori sono quindi partiti, salendo a piedi e con gli sci da Chiappera (1.614 m) verso il Colle Greguri (2.319 m) lungo un percorso impervio, ma libero dalla neve.

Le operazioni di recupero

Mentre il compagno di cordata è stato raggiunto sulla cengia sotto la cima, una squadra di tecnici si è calata nell’intaglio tra Rocca e Torre Castello per recuperare lo scalatore caduto, le cui condizioni, nonostante l’incidente, erano fuori pericolo.

Nel corso della notte l'operazione è proseguita con il recupero dell'infortunato verso l'alto tramite un sistema di paranchi lungo l'ultimo tiro della via su cui era rimasto bloccato a causa di una caduta. Siccome le sue condizioni di salute lo consentivano, intorno alle 2 è iniziata la discesa dalla via normale della montagna che nel frattempo era stata attrezzata con corde fisse. Con tratti in corda doppia e tratti da percorrere disarrampicando assicurati dai soccorritori, i due malcapitati sono arrivati al Colle Greguri da cui hanno potuto proseguire la discesa a piedi sempre accompagnati dai tecnici. Le operazioni sono state supportate dal Soccorso Alpino della Guardia di Finanza e dai Vigili del Fuoco.

Le cure mediche

Verso le 5,30 di oggi, sabato 27 febbraio 2021, lo scalatore infortunato e il compagno di cordata sono arrivati a Chiappera, Comune di Acceglio (Cn), dove era già presente un'autoambulanza che li ha accompagnati in ospedale per accertamenti.

TI POTREBBE INTERESSARE: La differenza fra zona arancione, arancione scuro e rinforzata (o rafforzata)

L'alpinista che è stato recuperato sulla Rocca Castello ha riportato un trauma toracico e a un arto superiore oltre a varie contusioni, in seguito a una caduta di una decina di metri trattenuta dalla corda durante la scalata da primo di cordata. L'equipaggiamento adeguato che lui e il compagno avevano con sé ha consentito loro di attendere serenamente l'arrivo dei soccorsi.

L'uomo è stato in grado di partecipare attivamente all'operazione sia durante la discesa del tratto alpinistico, sia dal Colle Greguri a Chiappera, tratto che ha affrontato sulle proprie gambe.

ECCO LE IMMAGINI DEL RECUPERO:

5 foto Sfoglia la gallery