Caso politico

Rapina alla gioielleria di Grinzane Cavour, Salvini: "La difesa è sempre legittima"

Vicinanza e solidarietà nei confronti della famiglia del gioielliere rapinato nel tardo pomeriggio di ieri.

Rapina alla gioielleria di Grinzane Cavour, Salvini: "La difesa è sempre legittima"
Cronaca Alba e Langhe, 29 Aprile 2021 ore 10:16

Tantissimi i messaggi di solidarietà giunti alla famiglia del gioielliere rapinato a Grinzane Cavour nel tardo pomeriggio di ieri, episodio finito poi in tragedia. Anche il leader della Lega Matteo Salvini, tramite i suoi canali social ha espresso la sua vicinanza affermando: "La difesa è sempre legittima".

Salvini sulla rapina a Grinzane: "La difesa è sempre legittima"

L'evolversi degli eventi accaduti a Grinzane Cavour nel corso del tardo pomeriggio di ieri, mercoledì 28 aprile 2021, hanno raggiunto anche il mondo della politica. Tra i tantissimi i messaggi di solidarietà e vicinanza che sono giunti alla famiglia del gioielliere rapinato, anche il leader della Lega Matteo Salvini, tramite i suoi canali social, si è espresso sulla vicenda:

"Un abbraccio al gioielliere e alla sua famiglia aggredita. Il loro negozio di Grinzane Cavour (Cuneo) era già stato rapinato nel 2015: il titolare era stato picchiato e legato, poi chiuso in bagno con la figlia. La difesa è sempre legittima".

Il messaggio dell'ex ministro dell'Interno è chiaro e va a sottolineare la sua consolidata opinione sul fatto che difendersi quando ci si ritrova in situazioni di pericolo, anche di vita, rappresenti un atto legittimo.

Su Facebook l'hashtag #iostoconroggero

I cittadini di Grinzane Cavour vicini al gioielliere

Vicinanza e solidarietà alla famiglia di Mario Roggero che su Facebook è stata simbolicamente manifestata attraverso l'hashtag #iostoconroggero. Tra i primi ad utilizzarlo anche l'assessore alla sicurezza del Comune di Alba, Marco Marcarino, il quale, sul suo profilo Facebook, ha evidenziato come la reazione avuta dal gioielliere rapinato sia avvenuta a seguito di un problematico contesto che ha riguardato il suo passato:

"Quando ho saputo la notizia sono stato colpito profondamente, vorrei esprimere la mia solidarietà a quest'uomo, Mario Roggero, che ieri ha ucciso due malviventi che stavano rapinando il suo negozio. La morte non è una mai cosa bella, e per quanto mi riguarda non l'auguro mai a nessuno, però occorre analizzare lo stato d'animo di una persona che era già stata traumatizzato da una rapina nel 2015, selvaggiamente picchiato da una banda di rapinatori, legato e chiuso nel bagno del negozio con la figlia, un trauma terribile, dopo il quale ebbe bisogno di parecchi mesi per ristabilirsi. Ora per lui inizia un calvario. #iostoconroggero".