Padre e figlio in due serre a Boves coltivavano droga che poi vendevano

Un vero laboratorio con ventole e lampade per far crescere le piante.

Padre e figlio in due serre a Boves coltivavano droga che poi vendevano
Cuneo città, 13 Settembre 2019 ore 16:59

Una serra per la coltivazione di marijuana in casa, il confezionamento casalingo delle dosi e la vendita nei centri dell’hinterland Cuneese.

Dal produttore al consumatore

Nel centro storico di Boves avevano allestito due serre per la produzione di marijuana. Padre e figlio produttori e spacciatori, scoperti dalla Squadra MObile della Polizia di Stato di Cuneo. A finire in manette M. Mantovani, 58 anni, di professione operaio, già pregiudicato per reati contro il patrimonio, e S. Mantovani., 21 anni, disoccupato con l’accusa di traffico illecito di stupefacendi.

La serra in cantina

Una perquisizione domiciliare ha consentito agli agenti di scoprire un vero e  proprio laboratorio con tanto di lampade, ventole e pannelli parasole allestito dai due in una cantina. Man mano che le piante crescevano di dimensioni, venivano trasferite in un’altra serra appositamente attezzata all’esterno. Una vera e propria catena. In una seconda fase avveniva io confezionamemto degli stupefacenti e poi lo spaccio. Trovati anche 3mila euro in contanti, probabilmente frutto della vendita della droga.

Il giovane rintracciato in corso Nizza

Il figlio non era all’interno dell’abitazione, durante la perquisizione, ma è stato trovato in corso Nizza  in possesso di chiavi di un altro appartamento  dove sono stati trovati 7 etti di maijuana e 30 grammi di cocaina. Ufficialmente privo di reddito, il giovane era anche proprietario di un Bmw X5 e di una moto.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità