Cronaca
110° appuntamento

L'emergenza Covid non ferma la Fiera del Bue Grasso di Carrù FOTO

Un'edizione atipica che però non ha bloccato la tradizione del territorio Carrucese. All'evento ha voluto presenziare anche il governatore Cirio.

L'emergenza Covid non ferma la Fiera del Bue Grasso di Carrù FOTO
Cronaca Mondovi, 11 Dicembre 2020 ore 09:54

Soddisfazione contenuta espressa da Nicola Schellino, sindaco di Carrù, in occasione della 110^ edizione della Fiera del Bue Grasso: "Credo che la parola chiave di questa edizione sia perseveranza. Siamo stati fermi e costanti nei propositi adattando l’evento alle contingenze ed abbiamo inviato un messaggio chiaro al settore allevatoriale: la Fiera del Bue Grasso è la grande tradizione di Carrù".

La Fiera del Bue Grasso di Carrù è arrivata alla sua 110^ edizione

Un'edizione atipica che però continua ad esprimere la tradizione del territorio. Nel corso della giornata di ieri, giovedì 10 dicembre 2020, si è svolto il 110° appuntamento con la Fiera del Bue Grasso di Carrù nel foro boario in Piazza Mercato. In una delle annate più difficili per l'intera popolazione nazionale, anche questo avvenimento tradizionale, a cui ha partecipato anche il governatore Cirio, ha dovuto fare i conti con le restrizioni sanitarie e le regole del distanziamento. Il sindaco di Carrù, Nicola Schellino, tramite un post sulla sua profilo Facebook, ha infatti affermato:

"E’ stata una fiera atipica in un momento di assoluta eccezionalità. Anzi, nella sostanza non è stata una fiera vera e propria perché l’assenza degli ambulanti fieristi, delle macchine agricole, del bollito no stop, degli affezionati e la chiusura di ristoranti e bar – fatta eccezione per l’asporto - ha azzerato il folklore tipico di questo evento".

La 110^ edizione, tuttavia, non si è fatta del tutto bloccare dall'emergenza sanitaria e anzi ha cercato di procedere con le sue tradizioni coinvolgendo nell'evento il pubblico attraverso una diretta streaming sui canali social:

"E’ stata invece una mostra mercato di bovini di razza piemontese a cui gli allevatori hanno risposto presente. Questo era il massimo che si poteva realizzare e questo è stato fatto, ritengo con risultati soddisfacenti anche considerato il numero di persone che hanno seguito la manifestazione in diretta streaming".

Il programma di quest'anno prevedeva la mostra zootecnica e il consueto mercato settimanale nelle forme consentite dalle norme in vigore per la tutela della sicurezza pubblica. Alla fiera hanno partecipato 63 capi di cui 29 buoi. I vincitori delle tre categorie principe sono stati: per il Bue Grasso della coscia Luigi Vallino, per il Bue grasso migliorato Andrea Migliore di Caraglio, per il Bue grasso nostrano la Società agricola San Quirico di Rocca de’ Baldi. Il premio Bravom è stato assegnato a Roberto Delsoglio di Fossano. Il sindaco ha poi concluso il suo discorso con queste parole:

"Credo che la parola chiave di questa edizione sia perseveranza. Siamo stati fermi e costanti nei propositi adattando l’evento alle contingenze ed abbiamo inviato un messaggio chiaro al settore allevatoriale: la Fiera del Bue Grasso è la grande tradizione di Carrù. Ringrazio tutti coloro che hanno reso possibile questa edizione e coloro che ogni anno lavorano alacremente affinché la Fiera mantenga la sua unicità e la sua rilevanza. Passate le festività natalizie, inizieremo a ragionare sull’organizzazione della 111^ edizione della Fiera, la prima a fregiarsi dell’internazionalità. Avanti così, viva la Fiera del Bue Grasso e viva Carrù".

5 foto Sfoglia la gallery