Cronaca
Avrebbe "adescato" la vittima

La cantante Chadia Rodriguez imputata per concorso in rapina tra Mondovì e Torino

I fatti risalgono a quattro anni fa quando la giovane, che in realtà si chiama Darnakh, frequentava gente poco raccomandabile. Poi la svolta e il successo che l'hanno cambiata.

La cantante Chadia Rodriguez imputata per concorso in rapina tra Mondovì e Torino
Cronaca Mondovi, 03 Agosto 2021 ore 11:30

La cantante magrebina Chadia Rodriguez nei guai: è imputata per concorso in rapina aggravata e dovrà rispondere ai giudici per aver "adescato" un poveretto ingannandolo grazie alla sua avvenenza per poi farlo rapinare da due complici.

Il fatto risale al 2017

Il fattaccio di cronaca nera non è recente, anzi: come racconta "Prima Torino", risale all'8 settembre 2017 ma le lungaggini della Giustizia italiana hanno fatto sì che solo oggi si addivenga al prosieguo dell'iter giudiziario. La Rodriguez, che in realtà si chiama Darnakh, era forse all'epoca invischiata in amicizie poco raccomandabili tanto da "prestarsi" per raggiri e micro-crimini... Poi però la sua vita ha avuto una svolta ed è diventata famosa: ha anche partecipato, con ottimo riscontro di pubblico e critica, al tradizionale Concertone del 1* Maggio. Ma il passato a volte ritorna, in questo caso prendendo le sembianze di un processo: Chadia dovrà rispondere ai giudici per quanto accaduto fra Mondovì e Torino quella notte di quattro anni fa.

L'imputata è difesa dagli avvocati Leonardo Proni e Fabio Federico, e il principale complice dell'epoca, Zakaria El Fadili ha già patteggiato una pena di 3 anni e 8 mesi per quel reato. Secondo una prima ricostruzione quella notte verso l’una l'avvenente ragazza aveva chiamato un giovane conosciuto prima in un locale e con cui si erano scambiati i numeri di telefono. Gli aveva chiesto un passaggio e lui era andato a prenderla al centro commerciale di Mondovì.

Con lei altri due uomini

Con lei c'erano però altri due uomini: da qui la proposta di portarli tutti a Torino in cambio del pieno di benzina. Durante il tragitto, Chadia gli aveva chiesto in prestito il cellulare per cancellare i numeri di telefono che si erano scambiati e i relativi messaggi/chiamate eccetera. Arrivati a Torino, dopo che i due ragazzi avevano spruzzato lo spray in faccia e strappato la collana, avevano cercato di rubare anche l’auto.

L'indagine ha avuto un intoppo di ritardo perché nella iniziale descrizione il rapinato aveva indicato anche la giovane come maghrebina visto che parlava in arabo con i complici. Poi la testimonianza di El Fadili, che tentava di ridimensionare il proprio ruolo patteggiando la pena senza andare a processo, ha fatto chiarezza. Ora la giovane e fascinosa cantante attende di sapere quando dovrà sostenere il processo a suo carico.

Al momento, ed è bene dirlo chiaro, la cantante Chadia Rodriguez è semplicemente imputata e dunque va considerata innocente fino ad emissione di sentenza.

Seguici sui nostri canali