Menu
Cerca
Prima mondiale

I francesi hanno riprodotto il Tartufo bianco di Alba, ma sarà vero?

Dopo 9 anni di ricerca congiunta tra vivai Inrae e Robin, le prime piantagioni di tartufo finalizzate alla sua coltivazione sono state realizzate in Francia.

I francesi hanno riprodotto il Tartufo bianco di Alba, ma sarà vero?
Cronaca Alba e Langhe, 18 Febbraio 2021 ore 11:08

A dare la notizia il presidente è stato il presidente dei vivai Robin, Bruno Robin, nel corso di una conferenza stampa online. Dopo 50 anni di sperimentazione, il Tuber magnatum Pico, noto come Tartufo Bianco del Piemonte o Tartufo Bianco d’Italia, è stato prodotto in Francia all’interno di una tartufaia controllata.

Prodotto in una tartufaia francese il Tartufo bianco di Alba

Si tratterebbe di una prima mondiale. Come ben noto, il tartufo bianco cresce allo stato selvatico e viene raccolto principalmente nel territorio Albese e in poche altre zone del mondo. Essendo un prodotto unico nel suo genere, l’offerta non riesce a soddisfare la sua grande richiesta e per questo motivo il suo prezzo schizza alle stelle.

In questo senso, la notizia di una sua produzione controllata all’interno di una tartufaia ha destato non pochi dubbi. Come riportato dalla rivista scientifica “Mycorrhiza“, dal 2008, dopo 9 anni di ricerca congiunta tra vivai Inrae e Robin, le prime piantagioni di tartufo finalizzate alla sua coltivazione sono state realizzate in Francia. La produzione di fruttificazione di Tuber magnatum Pico in una piantagione al di fuori della sua gamma naturale rappresenterebbe una prima mondiale e spianerebbe la strada allo sviluppo della coltivazione di questo tartufo in Francia ma anche in altre parti del mondo.

Come avviene la produzione controllata

I tentativi di coltivare il tartufo bianco iniziarono negli anni ’70 in Italia, dove furono vendute più di 500.000 piante. I primi tartufi sono stati raccolti da 15 a 20 anni dopo la semina, solo in una dozzina di piantagioni, il tutto in zone dove questo tartufo è naturalmente presente.

Dal 2008, il vivaio Robin commercializza alberi di micorrize con Tartufo bianco d’Alba seguendo il processo vivaio “Inrae/Robin”, concesso in licenza e controllato da Inrae. Ogni pianta viene controllata singolarmente prima della sua commercializzazione da esperti Inrae, i quali controllano la presenza del tartufo analizzando le caratteristiche morfologiche ed eseguendo l’analisi del DNA.

TI POTREBBE INTERESSARE: Tartufo di 900 grammi aggiudicato per 100mila euro

Nell’ambito di un programma comune di ricerca, sono state studiate cinque piantagioni francesi. Il primo risultato è la persistenza nel terreno da tre a otto anni dopo aver piantato il tartufo bianco per quattro piantagioni distribuite su regioni con climi diversi (Rodano-Alpi, Contea di Borgogna Franche e Nuova Aquitania). Il risultato principale di questo lavoro è stata la raccolta nel 2019 di tre tartufi e quattro nel 2020 nella piantagione della Nuova Aquitania. Questi tartufi sono i primi ad essere raccolti da una piantagione al di fuori dell’areale geografico naturale di questa specie.

“In qualità di ex deputato per le Alte Alpi – parla così Gioele Giraud, Segretario di Stato presso il Ministro per la Coesione dei Territori e le Relazioni con gli Enti Locali, responsabile della Ruralità – e di membro del governo responsabile della difesa delle zone rurali, ho voluto dare il benvenuto a questo primo mondo. Illustra perfettamente la capacità innovativa di ruralità che il governo sostiene e incoraggia”.