Fondazione Ospedale Santa Croce e Carle, nominato il Consiglio di amministrazione

L'obiettivo è quello di valorizzare strutture e tecnologie sostenendo l'Ospedale.

Fondazione Ospedale Santa Croce e Carle, nominato il Consiglio di amministrazione
Cuneo città, 21 Ottobre 2019 ore 14:39

E’ stato nominato questa mattina (lunedì 21 ottobre 2019) il Consiglio d’amministrazione della neonata Fondazione per l’ospedale Santa Croce e Carle di Cuneo.

Le nomine

Presidente è stato designato Fulvio Moirano, per 11 anni alla guida dell’azienda ospedaliera e profondo innovatore della sanità cuneese; vicario Luigi Salvatico, attualmente presidente del Comitato etico interaziendalel Santa Croce e Carle e AslCn1; Bruno D’Angeli, nominato dal vescovo (socio fondatore) e rappresentante della Confraternita della Santa Croce; Giuseppe Tardivo, cofondatore del Campus di Management ed Economia di Cuneo; Federico Borgna, sindaco di Cuneo e presidente della Provincia. Segretario è stato scelto il commercialista cuneese Gianni Cappa.

“Valorizzare strutture e tecnologie”

“Ringrazio i consiglieri per avermi proposto – afferma il neo presidente Fulvio Moirano –. Sono 13 anni che ho lasciato la direzione generale del Santa Croce e Carle, ma mi sento ancora molto legato a questa realtà in cui ho lavorato per 11 anni, nominando circa 40 primari. Cuneo era una delle poche realtà di queste dimensioni a non avere ancora una Fondazione ed è importante l’idea, che ha avuto un gruppo di cuneesi, d’istituirla, per valorizzare le strutture e le tecnologie del Santa Croce e Carle”.

“Sostenere l’ospedale”

“Questa iniziativa che, negli ultimi due anni, il comitato dei soci promotori ha gradatamente costruito – aggiunge Luigi Salvatico – ha una doppia finalità: sostenere l’ospedale attuale e pensare al futuro. Stiamo già lavorando a diverse iniziative, in accordo con il direttore generale dell’azienda ospedaliera Santa Croce e Carle, che proporremo alla cittadinanza nei prossimi mesi”

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità