Cronaca
Allarme

Covid, confermato il caso di variante inglese nella Granda

Si tratta del secondo rilevamento in Piemonte. L'assessore regionale Matteo Marnati: “Attività fondamentale per interrompere tempestivamente le catene di contagio”.

Covid, confermato il caso di variante inglese nella Granda
Cronaca Cuneo città, 23 Gennaio 2021 ore 10:29

Covid, confermato il secondo caso di variante inglese in Piemonte: è nella provincia di Cuneo. L’identificazione al laboratorio di Genetica dell’Istituto Zooprofilattico. Marnati: "Attività fondamentale per interrompere tempestivamente le catene di contagio".

Covid, confermato il caso di variante inglese nella Granda

Come riporta "Prima Chivasso", secondo caso di variante inglese Sars-CoV-2 identificato sul territorio piemontese. Si tratta della conferma del caso sospetto, identificato nel cuneese, che era emerso a metà gennaio, quando era stato identificato e isolato il primo caso confermato nel vercellese, che è arrivata dal team di ricerca del laboratorio di Genetica dell’Istituto Zooprofilattico sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Anche in questo caso, come per il primo, la variante è stata isolata in un paziente rientrato in Italia dal Regno Unito.

TI POTREBBE INTERESSARE: Infermiera non vuole fare il vaccino e il marito insulta pure le colleghe

L’intervento dell’Istituto Zooprofilattico

Commenta con queste parole l'assessore alla Ricerca applicata Covid, Matteo Marnati:

"L’identificazione di un secondo caso di variante inglese sul territorio piemontese dimostra come effettivamente sia importante l’identificazione precoce di casi sospetti. Le mutazioni multiple – aggiunge – sono state identificate grazie alle tecnologie avanzate di sequenziamento del genoma e alle competenze bioinformatiche del team di ricerca. L’attività del Laboratorio dell’Istituto Zooprofilattico risulta quindi fondamentale per identificare l’emergere di nuove varianti, la loro introduzione nel territorio e interrompere tempestivamente le catene di contagio. Un ringraziamento particolare, dunque, al direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico che continuerà con il puntuale monitoraggio di altri test molecolari".