Bra, ruba cosmetici per 400 euro

40enne arrestata e condannata per furto aggravato.

Bra, ruba cosmetici per 400 euro
Bra e Roero, 17 Aprile 2019 ore 13:52

I Carabinieri della Compagnia di Bra hanno tratto in arresto in flagranza di reato per furto aggravato una donna italiana, quarantenne, residente nel cuneese ma di fatto senza fissa dimora.

I fatti

La donna, già conosciuta dalle Forze dell’Ordine per precedenti analoghi, si era introdotta in un ipermercato di Bra mischiandosi tra i clienti che affollavano le varie corsie. Fingendo di fare la spesa, la malvivente aveva occultato in una borsa svariati prodotti cosmetici per un valore complessivo di oltre 400 euro, per poi recarsi al varco casse e tentare di superarlo senza pagare.

Ignorava, però, che gli addetti alla sicurezza l’avevano notata fin dal suo arrivo e stavano tenendo d’occhio tutti i suoi movimenti, così quando ha oltrepassato il varco casse con la merce occultata nella borsa, sono intervenuti fermandola e avevano chiamato il “112”.

Arrestata per furto aggravato

La pattuglia di Carabinieri, immediatamente arrivata sul posto, presa in consegna la donna, l’ha sottoposta ad una perquisizione personale che ha portato al rinvenimento della refurtiva, subito restituita ai responsabili del centro commerciale. La malvivente è stata accompagnata, in stato di arresto, presso il Comando Compagnia di Bra per le formalità di rito.
La 40enne, accompagnata oggi mercoledì 17 aprile 2019 al Tribunale di Asti,  è giudicata colpevole di “furto aggravato”.

Quando si può definire furto

Non può parlarsi di furto consumato quando la cosa mobile non è uscita definitivamente dalla sfera di vigilanza del soggetto passivo. Questo è quanto affermato dalla Corte di Cassazione, secondo cui  la condotta di sottrazione di merce dai banchi vendita di un supermercato, avvenuta sotto il costante controllo del personale di vigilanza, sia qualificabile come furto tentato, allorché l’autore sia fermato dopo il superamento delle casse senza aver pagato la merce prelevata, non potendo considerarsi realizzata la sottrazione della cosa quando il possessore originario conserva una relazione col bene e può in ogni momento interrompere l’azione delittuosa.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter