Chiusura forzata

Bambini asintomatici continuavano ad andare a lezione, chiuse le scuole di Canale per sanificazione

Tutti i plessi della materna, elementare e media inferiore resteranno chiusi per quattro giorni per una igienizzazione dei locali scolastici.

Bambini asintomatici continuavano ad andare a lezione, chiuse le scuole di Canale per sanificazione
Alba e Langhe, 09 Novembre 2020 ore 09:58

Bambini asintomatici continuavano ad andare a lezione. A Canale, in provincia di Cuneo, il sindaco Enrico Faccenda ha emesso un’ordinanza nella quale specifica che le scuole dell’istituto comprensivo del paese saranno chiuse per quattro giorni al fine di effettuare una sanificazione urgente e straordinaria.

Bambini asintomatici continuavano ad andare a lezione

A Canale, in provincia di Cuneo, da oggi, lunedì 9 novembre 2020, fino a giovedì 12 novembre, tutti i plessi della materna, elementare e media inferiore resteranno chiusi per una sanificazione urgente e straordinaria dei locali. Il motivo di questa ordinanza del sindaco Enrico Faccenda riguarderebbe il fatto che alcuni bambini, risultati positivi asintomatici, abbiano continuato per una decina di giorni a frequentare la scuola, infettando docenti e compagni. Durante questo periodo di stop forzato, gli studenti dell’istituto comprensivo di Canale seguiranno le lezioni online, con la didattica a distanza.

La proposta del sindaco

Il primo cittadino di Canale, nell’ordinanza che ha emanata, è intervenuto contestando anche il numero dei positivi, indicati dal portale regionale, affermando che in paese, invece dei 20 indicati, i contagiati sarebbero almeno il triplo. In conclusione, il sindaco avanza la proposta di un maggiore coordinamento di territorio tra amministrazione comunale, dirigenza scolastica, medici di base e forze dell’ordine, in modo da intervenire con strumenti idonei per fermare la catena dei contagi.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, sono 11 le persone positive decedute oggi

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità