Cronaca
Presente il governatore

Autostrada Asti-Cuneo: iniziati i lavori di completamento

Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, ha sottolineato la sua soddisfazione per un'infrastruttura che "il territorio aspetta da troppo tempo, da oltre 30 anni".

Autostrada Asti-Cuneo: iniziati i lavori di completamento
Cronaca Cuneo città, 27 Gennaio 2021 ore 10:42

Nel corso della giornata di ieri, martedì 26 gennaio 2021, sono finalmente iniziati i lavori di completamento dell'autostrada Asti-Cuneo. Presente sul cantiere anche il governatore della Regione Piemonte, Alberto Cirio: "Un’opera che il territorio aspetta da troppo tempo, da oltre 30 anni".

Autostrada Asti-Cuneo: iniziati i lavori di completamento

Nel corso della mattinata di ieri, martedì 26 gennaio 2021, hanno preso il via nel tratto tra Cantina di Roddi e Verduno i lavori per l'allestimento dei cantieri del lotto 2.6 e le attività di bonifica bellica dell’area. Presenti anche il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, l’assessore regionale ai Trasporti Marco Gabusi e il sindaco di Alba Carlo Bo.

TI POTREBBE INTERESSARE: Sanremo 2021 si fa in sicurezza o non si fa: AAA figuranti e pubblico cercansi

Il commento del governatore Cirio

Il governatore Cirio ha sottolineato la sua soddisfazione per l'inizio dei lavori relativi al completamento dell'Autostrada Asti-Cuneo. Queste le parole del presidente della Regione Piemonte:

"Oggi sono finalmente iniziati i lavori per il completamento dell'autostrada Asti-Cuneo. Un’opera che il territorio aspetta da troppo tempo, da oltre 30 anni. Ma questo è solo il primo passo: l'Italia è un Paese complicato e la storia di questa autostrada ci ha insegnato che non possiamo abbassare la guardia neanche di un millimetro fin tanto che l’ultimo metro di autostrada non sia realizzato. Questo faremo e continueremo a fare, insieme all’impegno per la Tav, il Terzo Valico, la Pedemontana e le tante altre opere strategiche che il Piemonte attende da troppo tempo e che sono un diritto di questa nostra terra e di tutti i piemontesi".