“Faccio una strage”: 36enne arrestato per stalking

Già l'anno scorso l'uomo era stato arrestato e posto sotto misura cautelare.

“Faccio una strage”:  36enne arrestato per stalking
Cronaca Bra e Roero, 23 Gennaio 2019 ore 14:13

L’uomo, arrestato per stalking, già l’anno scorso era stato arrestato e posto sotto misura cautelare; prima di raggiungere l’abitazione della donna è stato lui stesso ad avvertire i militari.

Chi è l’arrestato per stalking?

L’uomo, un 36 enne italiano, residente nel Roero, pregiudicato, non si era rassegnato alla fine della relazione sentimentale con la ex compagna, un’impiegata in un esercizio pubblico, che viveva da sola nel comune langarolo insieme alla figlia piccola.

Da diversi mesi aveva iniziato a perseguitarla con minacce di morte, tanto che i Carabinieri di Bra erano già ripetutamente intervenuti per contrastare le sue condotte gravi e pericolose: lo scorso anno era stato tratto in arresto e successivamente sottoposto alla misura cautelare del “divieto di avvicinamento al nucleo familiare”, disposto dal GIP del Tribunale di Asti.

La chiamata ai Carabinieri

Nonostante il divieto, nella giornata di mercoledi 16 gennaio 2019,  l’uomo, dopo averla minacciata attraverso lo smartphone, aveva pensato bene di raggiungere l’abitazione della donna a Monforte d’Alba, violando le prescrizioni imposte dal Giudice, con il dichiarato intento di farle del male. Poco prima di partire aveva addirittura chiamato i Carabinieri dicendo che sarebbe andato a Monforte “a fare una strage”.

Sul posto due pattuglie dei Carabinieri

Ad attenderlo sotto l’abitazione della vittima c’erano due pattuglie dei Carabinieri della Compagnia di Bra (Monforte e Narzole) che nel frattempo si erano immediatamente presi cura della donna e della bambina, senza lasciarle sole neanche per un minuto.

Giunto nei pressi dell’abitazione l’uomo aveva ribadito ai Carabinieri i propri intenti delittuosi. E’ stato pertanto tratto in arresto e rinchiuso nelle camere di sicurezza della Compagnia di Bra.

Ora è a disposizione del Pubblico Ministero presso il Tribunale di Asti, in attesa dei successivi provvedimenti.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità