Alba è medaglia d’oro per distribuzione del biometano

Il carburante carbon free grazie a Egea abbatte le emissioni di anidride carbonica. Utlizzato anche dai mezzi della Ferrero,

Alba è medaglia d’oro per distribuzione del biometano
Alba e Langhe, 06 Settembre 2019 ore 12:19

Alba prima città piemontese ad utilizzare il biometano.

Avviata la distribuzione pubblica

Dal 1 settembre 2019, inizio della distribuzione, si tratta di un primato di tutto rispetto per la città e il circondario. La distribuzione pubblica del carburante “carbon free” avviene per  automobilisti privati, autotrasportatori (compresi i mezzi della Ferrero) e ogni tipo di mezzo aziendale. In altre regioni erano stati avviati esperimenti di questo tipo. Ma una distribuzione capillare come quella avviata as Alba per il Piemonte è un primato.

Partnership Gruppo Egea e Bragas

Il distributore di corso Europa ad Alba è il punto di riferimento per chi vuole utilizzare questo tipo di carburante.

Viene erogato in forma gassosa nello stesso impianto dove veniva erogato il metano tradizionale. Un progetto che si è potuto realizzare grazie  al sistema introdotto da Gestore Servizi Energetici, in attuazione del Decreto Interministeriale “Biometano” del 2 marzo 2018.

I vantaggi ambientali

Il biometano è prodotto partendo da biomasse agricole e agroindustriali e dalla frazione organica dei rifiuti solido urbani. Provenendo da fonti rinnovabili è carbon free poiché, a differenza del metano tradizionale, porta a quota zero l’anidride carbonica.  In un anno si eviterà l’emissione  di 1.500 tonnellate di anidride carbonica.

Egea produrrà direttamente il biometano

Egea sta realizzando impianti che le consentiranno di produrre direttamente il biometano da mettere a disposizione degli utilizzatori.

Per i progetti, attiverà poi le soluzioni di innovazione tecnologica e  conoscenza del territorio, quelle messe in campo negli impianti realizzati e gestiti a Marene, Vottignasco, Ozegna e Caluso.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità