SCONGIURARE FOCOLAI

A Saluzzo arriva l'Esercito per vigilare sui lavoratori stagionali: evitare assembramenti

Saluzzo, nel Cuneese, è uno dei maggiori distretti agricoli del Nord Italia dove, da giugno a novembre, vengono impiegati più di 12mila lavoratori stagionali della raccolta della frutta.

A Saluzzo arriva l'Esercito per vigilare sui lavoratori stagionali: evitare assembramenti
Cronaca Cuneo città, 27 Maggio 2020 ore 10:47

Il lavoro riprende, ma serve garantire che non si verifichino assembramenti: per questo motivo l'Esercito vigilerà sui lavoratori stagionali a Saluzzo, nel Cuneese.

Vigilare sui lavoratori stagionali

Con il ripristino delle attività riprende anche il lavoro nei campi. A Saluzzo, nel Cuneese, uno dei maggiori distretti agricoli del Nord Italia dove, da giugno a novembre, vengono impiegati più di 12mila lavoratori stagionali della raccolta della frutta (in gran parte nord africani), la priorità è evitare che si verifichino assembramenti durante la fasi di raccolta che potrebbero generare focolai di coronavirus.

A Saluzzo arriva l'esercito

Per questo morivo, nel corso di un incontro in Prefettura, a Cuneo, si è stabilito che è prioritario evitare gli assembramenti del passato, come ha spiegato il questore di Cuneo, Emanuele Ricifari. I controlli verranno intensificati dalla prossima settimana, con la probabile riapertura dei confini regionali. Anche l'Esercito vigilerà sullo svolgimento del lavoro degli stagionali.

TORNA ALLA HOME