Lettera aperta

Trasporti, la sindaca scrive a Cirio: "Non possiamo più accettare questo isolamento"

Manassero torna a chiedere con forza che la "questione Cuneo" venga affrontata seriamente a livello regionale

Trasporti, la sindaca scrive a Cirio: "Non possiamo più accettare questo isolamento"
Pubblicato:
Aggiornato:

In seguito alla notizia dell’apertura del collegamento che unirà Alba a Caselle la sindaca di Cuneo Patrizia Manassero ha deciso di indirizzare una missiva sul tema dei trasporti al governatore della regione Piemonte e all'assessore ai trasporti Marco Gabusi.

La lettera

"Il territorio albese - scrive la sindaca in merito al nuovo collegamento - ha raggiunto certamente un traguardo molto efficace e meritevole, anche perché ambientalmente sostenibile. Alba e Bra, candidate insieme a capitale della cultura 2026, stanno lavorando egregiamente per quell’obbiettivo. La notizia, tuttavia, suscita in tanti cuneesi non poche amare riflessioni".

"È vero - prosegue la lettera - che oggi apprendiamo dai giornali che finalmente la quarta coppia di treni Cuneo-Ventimiglia sarà attivata il 29 aprile 2024. Risponde certo a quanto chiesto più volte (di cui l’ultima nella serata del 30 gennaio con un ordine del giorno votato all’unanimità in Consiglio Comunale, proprio sul tema della ferrovia Torino-Cuneo-Ventimiglia-Nizza). Ci auguriamo sia una attivazione che resti nel tempo. Forse nei mesi estivi potrebbero arrivare a sei le corse, dal momento che quella linea è l’unico mezzo rimasto per arrivare oltre confine?"

Il Tenda e il rischio di ulteriori ritardi

La sindaca di Cuneo poi fa riferimento allo scenario prospettato dal Presidente della Provincia Luca Robaldo che, rispetto ai lavori del Tenda, ha parlato di un "concreto rischio di ulteriore slittamento".  "La notizia è decisamente sconfortante - commenta Manassero - riteniamo sia necessario mettere in campo una più stringente azione politica di chiarimento con i colleghi d’Oltralpe, coinvolgendo i vertici istituzionali nazionali e forse anche i nostri eurodeputati".

"Un isolamento perfetto"

E ancora: "Non troviamo indicazioni di speranza alle amare riflessioni che, oltre ogni schieramento politico, condividiamo rispetto a tutti i collegamenti che Cuneo non ha: non ha il collegamento autostradale con Alba, non ha una ferrovia efficiente che la collega al capoluogo regionale, non ha più tutta una serie di collegamenti ferroviari interni alla Provincia, non ha più l’attraversamento stradale transfrontaliero che la univa alla Liguria e alla Francia e il collegamento ferroviario attraverso la val Roya è ridotto proprio all’essenziale. Aggiungiamo che il collegamento ferroviario Alba-Caselle suona quasi come un boicottaggio a Levaldigi, foriero di future difficoltà anche per l’aeroporto cuneese. La somma di tutto ciò fa un sempre più penalizzante isolamento perfetto".

Eppure, rileva la sindaca, Cuneo è "capoluogo di Provincia ed è sede di importantissime aziende che hanno un peso di primo piano nell’economia regionale; era (perché mancando il Tenda non lo è più) snodo di collegamento con la Francia. È città che per lavoro e per studio, gravita in maniera consistente su Torino".

E la missiva si fa incalzante: "Sono quarant’anni che la città subisce e cerca di superare con grande determinazione, una situazione che diventa sempre più anacronistica in un tempo in cui si lavora alacremente per incrementare ogni genere di connessione. Cuneo non merita di restare indietro e continuare a perdere i già di per sé magri collegamenti infrastrutturali. I cuneesi non possono più accettare questa marginalità. Non possono più pagare in termini economici, occupazionali, turistici, l’isolamento a cui progressivamente sono arrivati. Non penso che basti come giustificazione l’inanellarsi di vicende complicate (penso alla Cuneo-Asti e al tunnel del Tenda). In questi mesi, a tutti i tavoli regionali, nazionali e internazionali legati ai trasporti a cui mi sono seduta, ho sempre posto la questione. Magre le risposte, anche in un tempo in cui i fondi PNRR avrebbero potuto aiutare la Regione e RFI a mettere in campo interventi risolutivi".

"Si affronti la questione Cuneo"

Quindi l'appello: "Chiedo ancora una volta e con forza che la questione Cuneo venga affrontata a livello regionale in maniera coerente, puntuale, complessiva, per delineare una strategia e un quadro di interventi su tutte le infrastrutture di collegamento affinché si possa uscire da questa palude".

"Aggiungo un’ultima cosa - scrive Manassero - in questi giorni abbiamo lanciato Cuneo Città alpina 2024. Ci siamo incontrati con i sindaci e gli Enti locali del territorio e abbiamo acceso un faro sulle potenzialità di un lavoro sinergico sul territorio della mezza-luna alpina, che ci vedrà uniti con Saluzzo e Mondovì nel percorso. Grande è la determinazione a lavorare a beneficio del territorio, ma quali ricadute potrà avere per la Provincia e la Regione se non c’è modo di trasferire e trasmettere il valore aggiunto che vogliamo produca questo percorso, al resto del territorio? Quale contributo possono portare queste città ricche e resilienti se l’imbuto infrastrutturale le isola? Resto disponibile per condividere valutazioni e analisi, in vista della definizione di un programma strategico, meritevole ed efficace. Abbiamo sufficienti riflessioni e valutazioni maturate in questi anni che condivideremo volentieri perché solo insieme possiamo ottenere risultati ambiziosi. Sin da subito Cuneo c’è: attendo un segnale forte di attenzione e di collaborazione da parte delle autorità regionali competenti".

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali