Attualità
I dettagli

Referendum 2022: tra poco più di tre settimane elettori al voto per cinque quesiti sulla giustizia

Al voto il 12 giugno.

Referendum 2022: tra poco più di tre settimane elettori al voto per cinque quesiti sulla giustizia
Attualità 22 Maggio 2022 ore 06:19

Sono 5 i quesiti ammessi dalla Corte Costituzionale per i referendum del12 giugno 2022, si tratta di referendum abrogativi sul tema della giustizia.

  1. Incandidabilità dopo la condanna – il primo quesito del referendum chiede di abrogare la parte della Legge Severino che prevede l’incandidabilità, l’ineleggibilità e la decadenza automatica per parlamentari, membri del governo, consiglieri regionali, sindaci e amministratori locali nel caso di condanna per reati gravi
  2. Custodia cautelare durante le indagini – il secondo dei cinque quesiti del referendum 2022 chiede di togliere la “reiterazione del reato” dai motivi per cui i giudici possono disporre la custodia cautelare in carcere o i domiciliari per una persona durante le indagini e quindi prima del processo
  3. Separazione delle carriere – Questo terzo quesito chiede lo stop delle cosiddette “porte girevoli”, impedendo al magistrato durante la sua carriera di passare dal ruolo di giudice (che appunto giudica in un procedimento) a quello di pubblico ministero (coordina le indagini e sostiene la parte accusatoria) e viceversa
  4. Valutazione degli avvocati sui magistrati – il quesito chiede che gli avvocati, parte di Consigli giudiziari, possano votare in merito alla valutazione dell’operato dei magistrati e della loro professionalità
  5. Riforma Csm – si chiede che non ci sia più l’obbligo di un magistrato di raccogliere da 25 a 50 firme per presentare la propria candidatura al Consiglio Superiore della Magistratura
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter