Attualità
Sanità

Le asportano 40 chili di massa ovarica: 50enne salvata da un delicato intervento

Incredibile operazione chirurgica andata a buon fine in Piemonte.

Le asportano 40 chili di massa ovarica: 50enne salvata da un delicato intervento
Attualità 14 Novembre 2021 ore 07:52

Le asportano 40 chili di massa ovarica: 50enne salvata da un delicato intervento. Incredibile operazione chirurgica andata a buon fine in Piemonte.

Le asportano 40 chili di massa ovarica: 50enne salvata da un delicato intervento

Una donna di 50 anni affetta da una grave patologia congenita dell’aorta toracica, ha subito un intervento di rimozione di una massa ovarica di oltre 40 chili. Ora la paziente sta bene e procede con il decorso post-operatorio, dopo l’intervento avvenuto nei giorni scorsi all’Azienda ospedaliera di Alessandria eseguito da uno staff multidisciplinare e interaziendale. Lo riporta Prima Alessandria.

Operazione eseguita da un doppio staff

L’intervento, infatti, si presentava difficoltoso per il volume della massa e per la malattia riscontrata alla donna solo in fase di accertamenti e presente fin dalla nascita: per garantirne la massima sicurezza, i clinici hanno optato per trasferire la 50enne dall’ospedale di Casale Monferrato all’ospedale di Alessandria.

Qui è stata trattata da un team composto da esperti dell’Azienda ospedaliera alessandrina e dell’Asl di Alessandria.

Qui il commento di Fabrizio Racca, direttore del dipartimento di anestesia:

“Le condizioni di partenza della 50enne erano davvero problematiche. Abbiamo esaminato il caso in una discussione collegiale e soprattutto tempestiva per individuare nel più breve tempo la migliore soluzione possibile. La patologia congenita presentata dalla signora costituiva un rischio elevato: la collaborazione dei colleghi dell’Asl Al, dei cardiochirurghi e dei chirurghi vascolari è stata fondamentale. Lieto di constatare che Maria ora si sia ripresa e soddisfatto per l’esempio di sinergia con i colleghi dell’ASL AL che la gestione di questo caso ha rappresentato”.