Paradosso amaro

Il vaccino anti-Covid italiano funziona (eccome), ma mancano i soldi per continuare

Raggiunge addirittura il 99% di risposta anticorpale. Il problema sono i finanziamenti, ancora bloccati.

Attualità 16 Luglio 2021 ore 11:19

Funziona il vaccino di ReiThera: nessun serio evento avverso e una risposta anticorpale tre settimane dopo la prima dose di oltre il 93% dei volontari.

Percentuale che raggiunge quota 99 dopo la seconda somministrazione, secondo i dati forniti dalla Biotech di Castel Romano.


Il vaccino italiano ReiThera funziona (eccome)

Lo studio di Fase 2 iniziato a marzo, ha coinvolto quasi un migliaio di volontari. Il 25% di loro ha un'età superiore a 65 anni e condizioni associate ad un aumentato rischio di malattia grave in caso di infezione da SARS-CoV-2. A questo punto non resterebbe che dare il via alla Fase 3, prima della possibile distribuzione.

Ma c'è un problema di liquidità che rischia di bloccare tutto.

A maggio la Corte dei Conti ha bocciato il Decreto del Governo che avrebbe attivato i fondi necessari, 81 milioni di euro: 49 di finanziamento pubblico e 32 investiti da ReiThera stessa.

Il problema sono i fondi per finanziare la Fase 3

Per i Magistrati contabili c'è la possibilità che i fondi stanziati dal Governo finiscano non solo nello sviluppo del prodotto, ma anche nel rafforzamento patrimoniale della società. Di fatto l'accordo sottoscritto a febbraio tra ReiThera, MISE e Invitalia, risulta inconciliabile con la normativa vigente.

Il Generale Figliuolo ha fatto sapere di aver discusso di questo tema con il Ministro Giorgetti, che tra l'altro si era già detto disponibile a contribuire al progetto nelle forme e nei modi consentiti.

Ma per ora nulla di fatto e all'azienda non resta che augurarsi di poter iniziare quanto prima il programma di Fase 3 che, sostengono a Castel Romano, ha ricevuto parere positivo da importanti agenzie regolatorie, EMA inclusa.