Attualità
Unità di crisi

Costi del Covid-19 in Piemonte: spesi 595 milioni di euro nel 2021

La Regione ha fatto fronte alle maggiori spese attraverso le economie del fondo sanitario e utilizzando le risorse del Fesr (Fondo europeo per lo sviluppo regionale) che l’Ue ha autorizzato per fronteggiare i costi della pandemia.

Costi del Covid-19 in Piemonte: spesi 595 milioni di euro nel 2021
Attualità Cuneo città, 16 Novembre 2021 ore 10:32

Nel corso della riunione dell'Unità di Crisi della Regione Piemonte si è fatto il punto sui costi del Covid-19 in Piemonte: nel 2021 sono stati spesi ben 595 milioni di euro.

Costi del Covid-19 in Piemonte: spesi 595 milioni di euro nel 2021

Nella riunione di ieri, lunedì 15 novembre 2021, dell’Unità di crisi con il presidente della Regione Alberto Cirio e l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi è stato anche affrontato il tema dei costi generati dal Covid sul sistema sanitario piemontese: 595 milioni di euro per il 2021, di cui 400 per le spese e 195 per il personale. La ricaduta per ogni cittadino del Piemonte è stata di circa 138 euro pro capite, in linea con la media nazionale (135 euro).

La Regione ha fatto fronte alle maggiori spese attraverso le economie del fondo sanitario e utilizzando le risorse del Fesr, il Fondo europeo per lo sviluppo regionale, che l’Ue ha autorizzato per fronteggiare i costi della pandemia.

Questo ha consentito al Piemonte di mantenere un equilibrio e garantire il servizio sanitario anche guardando al prossimo anno, ma per poter mettere in campo nuovi investimenti nel 2022 sarà fondamentale un intervento dello Stato. Proprio per discutere di questo con le altre Regioni, domani l’assessore Icardi sarà a Roma per un incontro prima con i capigruppo di Camera e Senato e a seguire con i coordinatori e vice coordinatori della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni con il ministro della Salute Speranza.

Aggiornamenti sulle vaccinazioni

Sono 15.358 le persone che hanno ricevuto il vaccino contro il Covid comunicate ieri, lunedì 15 novembre 2021, all’Unità di Crisi della Regione Piemonte (dato delle ore 18). A 4.012 è stata somministrata la seconda dose, a 9.930 la terza dose.

Tra i vaccinati di ieri, in particolare, sono 339 i 12-15enni, 1.033 i 16-29enni, 867 i trentenni, 797 i quarantenni, 671 i cinquantenni, 965 i sessantenni, 990i settantenni, 3.214 gli estremamente vulnerabili e 3.214 gli over80.

Dall’inizio della campagna si è proceduto all’inoculazione di 6.740.363 dosi, di cui 3.014.030 come seconde e 375.826come terze, corrispondenti al 94% di 7.172.750 finora disponibili in Piemonte.

L'andamento dei contagi

Ieri l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 240 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 165 dopo test antigenico), pari all’0,6% di 43.441 tamponi eseguiti, di cui 40.507 antigenici. Dei 240 nuovi casi gli asintomatici sono170 (70,8%).

I casi sono così ripartiti: 175 screening, 53 contatti di caso, 12 con indagine in corso.

Il totale dei casi positivi diventa 393.885, così suddivisi su base provinciale: 32.440 Alessandria, 18.926 Asti, 12.426 Biella, 56.613 Cuneo, 30.471 Novara, 209.840 Torino, 14.682 Vercelli, 13.936 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1.631 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 2.920 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

I ricoverati in terapia intensiva sono 24 (invariati rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 279 (+15rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 5.786. I tamponi diagnostici finora processati sono 9.072.499(+ 43.441 rispetto a ieri), di cui 2.432.405risultati negativi.