Attualità
Sanità

Con il PNRR all'Asl Cn1 sono state assegnate 9 case di comunità

Decolla il progetto che prevede anche quattro ospedali e altrettante Centrali Operative Territoriali.

Con il PNRR all'Asl Cn1 sono state assegnate 9 case di comunità
Attualità Cuneo città, 22 Dicembre 2021 ore 08:54

Nove Case di Comunità, distribuite sui quattro Distretti e quattro ospedali di Comunità, compreso Demonte che già c’è e rimarrà aperto. Nel dettaglio, il Distretto Nord-Ovest ne disporrà di due, Saluzzo e Verzuolo; il Sud-Ovest Dronero e Borgo S. Dalmazzo, per il Nord-Est Savigliano e Fossano, mentre nel Distretto Sud-Est Mondovì, Ceva e Dogliani. Le strutture sono collegate strettamente con gli ambulatori e le Case della salute per creare una forte rete territoriale.

Con il PNRR all'Asl Cn1 sono state assegnate 9 case di comunità

Per quanto riguarda gli ospedali di Comunità: a Demonte, che sarà ampliato, si aggiungeranno Cuneo, Saluzzo e Ceva. Strutture con 20 posti letto da sviluppare su almeno mille metri quadrati. Le Centrali Operative Territoriali (COT), una per Distretto, svolgeranno invece un ruolo di integratore e facilitatore tra ospedale e territorio, occupandosi di telemedicina, sistemi di prenotazione, accessi per le visite e percorsi per il paziente. Il progetto, finanziato dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) è stato presentato lunedì 20 dicembre alla Rappresentanza dei sindaci dal direttore generale dell’Asl CN1 Giuseppe Guerra:

"E’ un work in progress, perché potrebbero ancora intervenire alcuni cambiamenti in relazione ad ulteriori eventuali tagli nel finanziamento regionale da parte dello Stato. Si riprende a grandi linee il progetto degli ambulatori e delle case della salute, in rete con la Casa di Comunità che rappresenta l’Hub, e sarà realizzata su siti o strutture di proprietà dell’Asl o del Comune che le dà in concessione".

L’avvio del progetto (finanziato con circa 22 milioni di euro) è fissato il 28 febbraio, la dead line nel 2026.