Incontro

Accolti in Provincia i ragazzi dell'associazione "Le nuvole" di Alba

I ragazzi, visibilmente emozionati, hanno ricevuto uno speciale omaggio

Accolti in Provincia i ragazzi dell'associazione "Le nuvole" di Alba
Pubblicato:
Aggiornato:

Un momento molto emozionante per l'associazione.

L'incontro in Provincia

Marco, Matteo, Chiara, Davide, Serena, Gianfranco, Marco, Giorgia, Thomas, Francesca, Simona, Martina, Alex. Sono i ragazzi dell’associazione sportiva dilettantistica e di volontariato “Le Nuvole” di Alba che lunedì mattina 5 febbraio hanno incontrato, nel palazzo della Provincia, il presidente Luca Robaldo e il consigliere provinciale delegato Davide Sannazzaro. Insieme ai ragazzi, diversamente abili, alcuni genitori e i responsabili dell’associazione, nata a Fossano 13 anni fa.

Tantissime attività

“L’associazione è partita con un progetto molto ampio – ha spiegato la presidente Isabella Berardo – che ci ha visti coinvolti in diverse manifestazioni con attività di sbandieratori, ballerini e cheerleading. Ora stiamo puntando molto anche sullo sport e i risultati stanno arrivando in varie discipline. Dopo i Campionati Europei di cheerleading e gli Special Olympics di Berlino nel 2023, puntiamo sui prossimi Special e ai Mondiali 2025”.

Momento emozionante

Durante l’incontro ciascun ragazzo ha portato la sua esperienza spiegando che cosa vuol dire per lui fare parte del gruppo delle Nuvole.

Grande emozione poi per la premiazione finale con la consegna di un omaggio da parte della Provincia.

“Un momento bello e commovente anche per noi – hanno detto il presidente Robaldo e il consigliere Sannazzaro – che ci conforta e che ci dà tanta speranza. Siamo abituati sempre a vedere le cose che non vanno, invece ci sono tante cose belle e che funzionano grazie appunto all’impegno delle persone. Un grazie va anche alle vostre famiglie e ai responsabili del gruppo perché a questi risultati si arriva solo lavorando insieme”.

Ma non finisce qui: il gruppo sarà ospite al Festival di Sanremo, dove i ragazzi sono stati invitati per raccontare la loro storia.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali