Cronaca
spese per 1300 euro

Fa shopping con la carta di credito del parroco, condannato un senza fissa dimora

I carabinieri hanno conteggiato 57 acquisti tra cibi e capi di vestiario

Fa shopping con la carta di credito del parroco, condannato un senza fissa dimora
Cronaca Cuneo città, 18 Gennaio 2023 ore 11:48

Ha truffato proprio chi gli aveva teso una mano accogliendolo in parrocchia, al Cuore Immacolato di Cuneo. Il senza fissa dimora non c'ha pensato due volte a derubare don Carlo Occelli.

I fatti

Per permettere all'uomo, 47 anni originario di Civitavecchia, di svolgere qualche lavoretto, il parroco gli aveva messo a disposizione la propria auto, da questa lui aveva prelevato la sua carta di credito. I carabinieri hanno conteggiato 57 acquisti tra cibi e capi di vestiario per un ammontare complessivo di 1358 euro, nell’arco di una decina di giorni. A incastrare il senza fissa dimora la commessa di un negozio dove l'uomo aveva speso più di 600 euro comprando capi d'abbigliamento anche per la donna in sua compagnia e il figlio di questa. Qualche giorno dopo, l'uomo era ricomparso nello stesso negozio per chiedere lo scontrino, senza sapere però che i carabinieri erano sulle sue tracce e avevano già chiesto informazioni alle dipendenze della boutique.

La condanna

Condotto in caserma, il quarantasettenne ha consegnato la carta di credito e lo scontrino. Don Occelli non ha mantenuto la querela per il furto, quindi nei suoi confronti è rimasta in piedi solo l’accusa di utilizzo indebito di carta di credito, perseguibile d’ufficio. Per questo reato il pubblico ministero Raffaele Delpui aveva chiesto la condanna a nove mesi e 600 euro di multa. Il difensore, avvocato Roberto Tesio, si è limitato a domandare il minimo della pena, facendo leva sulla generosità del ladro che avrebbe fatto acquisti anche per una donna in stato di bisogno. Il giudice Elisabetta Meinardi ha condannato l’imputato a un anno e un mese di reclusione, più una multa pari a 400 euro.

Seguici sui nostri canali